Trasloco per il liceo. Pronte undici classi l’Einstein si sposta nella ex sede Inpdap

Completati i lavori nella succursale accanto al deposito di Start. Durante la pausa pasquale saranno allestiti gli spazi interni. "In futuro la palazzina servirà le esigenze anche di altri istituti".

Trasloco per il liceo. Pronte undici classi l’Einstein si sposta nella ex sede Inpdap

Completati i lavori nella succursale accanto al deposito di Start. Durante la pausa pasquale saranno allestiti gli spazi interni. "In futuro la palazzina servirà le esigenze anche di altri istituti".

Dopo Pasqua comincerà l’esodo per 275 studenti del liceo scientifico Einstein. Il viaggio che intraprenderanno non sarà lungo perché dall’attuale sede nel centro studi della Colonnella alla nuova succursale si contano alcune centinaia di metri. L’edificio si trova in via Carlo Alberto Dalla Chiesa ed è l’ex sede Inpdap a fianco del deposito di Start Romagna. L’immobile è stato scelto per recuperare spazi utili alle classi e all’attività didattica nel periodo in cui il liceo si troverà ad affrontare i lavori di adeguamento sismico del corpo principale dell’edificio. I lavori alla ex sede Inpdap hanno permesso di ricavare 11 aule. Le prime, quelle al primo piano, erano disponibili fin dai primi giorni di marzo. Per rendere anche gli altri due piani fruibili si è atteso il montaggio della scala antincendio. I lavori sono stati ultimati e le vacanze di Pasqua serviranno per arredare i nuovi locali e gestire la fase organizzativa per il trasloco. Spetterà alla dirigenza scolastica gestire le lezioni, dunque i professori e le attività, tra la sede principale e la succursale. I lavori all’Einstein termineranno il 12 luglio del 2025, se i tempi verranno rispettati. Fino ad allora parte delle classi del liceo svolgerà le lezioni nella sede ex Inpdap. La Provincia ha investito 600mila euro per adeguare l’edificio in via Carlo Alberto Dalla Chiesa che non è di proprietà, dunque pesa anche per l’affitto. Ma l’orizzonte temporale dell’utilizzo della succursale non si ferma alla fine lavori all’Einstein. In Provincia intendono sfruttare la nuova sede anche per altri istituti quando necessario. "Ritengo che l’operatività delle undici aule nella sede ex Inpdap per gli studenti del liceo Einstein – spiega il presidente della Provincia, Jamil Sadegholvaad – rappresenti l’ultimo tassello di un percorso in cui la Provincia ha dimostrato la razionalità che governa le sue scelte in materia di programmazione dell’edilizia scolastica. Il risultato è che ora, al contempo, possiamo completare l’adeguamento sismico dell’Einstein, mentre le aule venute meno temporaneamente per tale adeguamento sono state reperite con questa operazione sull’immobile ex Inpdap, che potrà in futuro essere la risposta per operazioni analoghe su altri istituti".

Andrea Oliva