Chiara Barin
Economia

Borsea, l'azienda Venco compie 30 anni

Pasta, formaggi, salumi e verdura, la spesa è una tradizione di famiglia

I festeggiamenti per i 30 anni del negozio Venco (Donzelli)

I festeggiamenti per i 30 anni del negozio Venco (Donzelli)

Rovigo, 2 agosto 2016 -. «Il cliente per noi è un amico, fa parte della famiglia». Diego Venco, 51 anni, facendo da portavoce della famiglia che gestisce l’omonimo negozio di alimentari in via Savonarola a Borsea, delinea la filosofia imprenditoriale dimostratasi vincente, mentre scocca l’anniversario dei 30 anni di attività. Un traguardo veramente invidiabile. Perché la famiglia Venco si propone come un esempio di gestione famigliare che, tra alterne vicende, ha reagito alla crisi , investendo sull’ammodernamento dell’impresa, riuscendo anche ad attutire il peso delle tasse che gravano sul settore commerciale come un macigno.

«Siamo partiti in tre fratelli , era il 1 agosto del 1986 _ ricorda Diego. Con me c’è Davide, 40 anni che mi affianca e c’era anche Luigi che è scomparso. C’era anche mio è padre Giuseppe che ci ha lasciati anche lui 11 anni fa , mentre mia madre Anna di 74 anni continua ad essere l’occhio vigile dell’azienda e ci dà una mano. Con noi lavora anche la cognata Cosetta. In due anni ho perso il papà e un fratello».

Ma su tutto e contro tutto, ha prevalso il sacro fuoco della voglia di mettersi in gioco. I Venco infatti, come si dice non avevano le mani in pasta. «Siamo partiti– confessa Diego – con la voglia di metterci in gioco puntando sull’unità della famiglia. Tutti assieme ci siano lanciati nell’impresa ricevendo l’insegnamento del titolare uscente, Aser Tenan, che aveva deciso di cedere l’attività. Noi l’abbiamo rilevata e rilanciata». L’anno scorso la decisione della famiglia di ammodernare l’esercizio. «Lo abbiamo rinnovato e ci siamo rimessi in gioco per altri 30 anni. La nostra offerta oggi corrisponde alle attese dei clienti di Borsea e del vicinato, ci appoggiamo ad una piattaforma Crai che ci fornisce servizi ottimali e concorrenziali e questo è quello che conta rispetto all’offerta di altri supermercati, direi dei tanti supermercati che si trovano vicini a Borsea».

Ecco, quello della famiglia Venco è un piccolo supermermarket che è riuscito a convivere con la distribuzione più grande, un rapporto tra prossimità e grandeur che si è risolto senza traumi. «Borsea è fantastica, è una famiglia, la nostra è la bottega di sotto casa, il negozio per gli anziani. Facciamo servizio a domicilio per chi ha bisogno, accettiamo la spesa per telefono, in paese ci conosciamo tutti quanti. E da noi vengono persone anche da paesi vicini». Come fidelizzare, esaltando la prossimità? Facendo lo sconto. Sembra l’uovo di Colombo, ma non lo è in tempi di ristrettezze economiche per tutti. «Ogni primo lunedì del mese pratichiamo lo sconto del 10 per cento sulla spesa. Vediamo che la cosa funziona. E poi ogni 15 giorni proponiamo prodotti in offerta, roba di marca. Abbiamo un po’ di tutto, in più portiamo la spesa a domicilio gratis».

E con le tasse come la mettiamo? Secondo Diego è un problema di tutta la categoria e gli studi di settore sono ormai datati, quindi spera in tempi migliori: «Speriamo che cambi qualcosa, bisogna assolutamente mettere mano a questo problema». Ieri, giorno di festa per i 30 anni, Diego si è commosso. «Tutti i commercianti di Borsea sono venuti in negozio a mangiare una fetta di torta e hanno fatto un regalo alla nostra famiglia».