Investe una coppia e fugge: arrestato 51enne, rifiuta l’alcol test. Gravissimi l’uomo e la donna travolti

L’incidente è avvenuto in una frazione di Onigo. Le vittime sono ricoverate in prognosi riservata negli ospedali di Montebelluna e Treviso

Carabinieri e soccorsi sul luogo dell'incidente (foto d'archivio)

GERMOGLI PH: 14 DICEMBRE 2014 SIGNA SANT'ANGELO A LECORE INCIDENTE MORTALE TRA UNA MOTOCROSS SCOOTER E UN AUTO NELLA SERA SUL POSTO CARABINIERI E AMBULANZA 118 PRONTO SOCCORSO FOTOGRAFO ANDI SHTYLLA

Onigo (Treviso), 24 marzo 2024 – Investe una coppia con l’auto, non si ferma a prestare soccorso e fugge. Ma nella notte viene rintracciato dai carabinieri e arrestato: si tratta di un 51enne che dovrà rispondere di lesioni personali stradali gravissime, fuga in seguito a incidente con danni alle persone e rifiuto di sottoporsi ad accertamenti alcolemici. L'uomo, intorno alle 22 circa di ieri sera, avrebbe travolto una coppia a passeggio a Pederobba, frazione Onigo, mentre era alla guida della sua Ford. I due investiti sono stati portati in ospedale in gravi condizioni: sono un uomo e una donna 50enni residenti nel bresciano ma domiciliati nel piccolo centro del trevigiano.

La fuga e l’arresto

L'investitore 51enne è fuggito dal luogo dell'incidente lasciando poi l'autovettura incidentata a pochi chilometri di distanza, nei pressi di un casolare abbandonato. I carabinieri della provincia di Treviso, giunti sul posto con vigili del fuoco e sanitari del 118 che hanno soccorso la coppia, hanno subito avviato le ricerche rintracciando prima l'autovettura del presunto investitore e quindi lo stesso conducente, che era rientrato a casa. L'uomo ha rifiutato di sottoporsi agli accertamenti per verificare l'eventuale stato di alterazione psicofisica. I due investiti, trasportati presso gli ospedali di Montebelluna e Treviso, versano in gravi condizioni, in prognosi riservata. L'arrestato è stato rimesso successivamente in libertà, non sussistendo ulteriori esigenze cautelari mentre l'auto è stata sequestrata. Sulla vicenda sarà aperto un fascicolo presso la Procura di Treviso.