Ancona, a 12 anni fa arrestare il ladro in casa

L’uomo era entrato in una villetta di Via Strada Vecchia del Pinocchio. La bambina si è chiusa in bagno e ha telefonato per chiedere aiuto

Bambina di 12 anni con un coraggio da leone, fa arrestare il ladro in casa telefonando dal bagno (foto di repertorio)
Bambina di 12 anni con un coraggio da leone, fa arrestare il ladro in casa telefonando dal bagno (foto di repertorio)

Ancona, 18 agosto 2023 – Ha 12 anni e un coraggio da vendere. Grazie al suo sangue freddo ha fatto prendere un ladro entrato in casa sua, mercoledì scorso, quando i genitori erano al lavoro. La minore era rimasta nell’abitazione con i nonni, in via strada vecchia di Pietralacroce, che vivono al piano di sotto di una villetta bifamiliare. Non ha avuto paura quando, attorno alle 12, si è accorta che uno sconosciuto aveva aperto con le chiavi la porta dell’abitazione.

“Sì, abbiamo avuto un ladro in casa – racconta il padre, ingegnere, al Carlino – e lei è stata molto brava, non si è persa d’animo e ha studiato la soluzione. Era nella sua cameretta quando ha sentito dei rumori. Mia figlia sa che quando io o mia moglie rincasiamo la chiamiamo. Non avendoci sentiti ha voluto capire chi c’era. Si è affacciata da uno spigolo del corridoio e ha visto un uomo di spalle che non ero io. Per prima cosa si è chiusa in bagno, per riflettere su cosa fare".

Approfondisci:

Furti a Bologna, svaligiata una casa in zona stadio: bottino da 50mila euro

Furti a Bologna, svaligiata una casa in zona stadio: bottino da 50mila euro

La ragazzina aveva lasciato il cellulare a casa dei nonni, al piano di sotto e la sua missione era raggiungere il telefonino per cercare aiuto. "Il ladro prima è entrato a casa dei miei suoceri – continua il padre – ha rotto una portafinestra e una zanzariera ma loro non si sono accorti di nulla. Lì ha rovistato un po’ poi ha preso il mazzo di chiavi di casa nostra ed è salito nell’appartamento di sopra". Il ladro ha avuto il tempo di cambiarsi una maglietta togliendosi la sua e prendendone una in casa dei nonni della bambina.

"A casa nostra ci sarà stato almeno un’oretta – prosegue il padre della bambina – perché ha mangiato le lasagne che erano avanzate dal giorno prima, ha bevuto del vino e anche dello spumante poi ha provato a scongelare un pezzo di carne. Si è anche sdraiato sul letto per riposarsi. Mia figlia quando ha visto che stava in cucina è uscita dal bagno ed è corsa di sotto dai nonni dove aveva il cellulare per telefonare. Ha chiamato mia moglie, le ha detto ‘mamma c’è un ladro’".

La donna ha telefonato alla polizia e al marito. Una pattuglia della squadra mobile ha raggiunto l’abitazione dove poco dopo è arrivata anche la mamma della ragazzina, uscita dall’ufficio in centro, dove lavora, per tornare a casa. C’erano già gli agenti sul posto. "Il ladro era ancora dentro – continua il padre della 12enne – lo conosciamo perché abita vicino a noi. Ci ha rotto il citofono, forse lo ha scambiato per una telecamera".

Si tratta di un 51enne, G.F., anconetano, con problemi psichici e diversi precedenti. In casa aveva preso due orologi d’oro che non ha fatto in tempo a portare via. Poco prima aveva rubato anche un Fiat Doblò trovato parcheggiato sotto la sua abitazione, in via Gentiloni, a due passi dalla questura. L’uomo è stato arrestato per tentato furto in abitazione e furto aggravato. Ha passato la notte ai domiciliari. Ieri mattina la giudice Martina Marinangeli ha convalidato l’arresto disponendo per lui il carcere, come chiesto anche dal pm Paolo Gubinelli (in aula sostituito dal vice procuratore onorario Giovanni Centini). Il 51enne, difeso dall’avvocato Monica Clementi dello studio Magistrelli, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il legale ha chiesto i termini a difesa e l’udienza è stata aggiornata al prossimo 6 ottobre.