ILARIA TRADITI
Cronaca

Decoro, giovani volontari in azione: "Così ci sentiamo più utili alla città"

Pulizia dei vandalismi e cura del verde: il Carlino ha accompagnato i ragazzi in servizio nel centro storico

Decoro, giovani volontari in azione: "Così ci sentiamo più utili alla città"

Decoro, giovani volontari in azione: "Così ci sentiamo più utili alla città"

E’ entrata nel vivo la prima settimana di attività per i giovani partecipanti del progetto "Ci sto? Affare fatica!" che da lunedì scorso sono impegnati per rendere più bello il centro città con piccoli interventi di riqualificazione e cura dei beni comuni, sotto l’occhio attento dei tutor e di adulti esperti in lavori manuali (handyman). Il progetto, coordinato da CSV Marche e finanziato dalla Regione è rivolto a giovani dai 14 ai 21 anni e coinvolge circa 90 Comuni in tutte e cinque le province marchigiane. Ieri il Carlino ha passato la mattinata con loro in giro per la città. "E’ la mia prima esperienza come tutor – racconta Gloria Caraceni, 26 anni – sono contenta che il Comune di Ancona abbia aderito all’edizione 2024, vedo i ragazzi felici e volenterosi, non si fermano mai. Sono io a dover ricordare loro di fare una pausa ogni tanto perché sono molto presi dalle attività. Anche i cittadini sono contenti, alcuni ci fermano per strada per farci i complimenti. Vorrei ringraziare la cremeria Rosa che ieri (lunedì ndr) ci ha offerto il gelato".

Il progetto generale prevede la pulizia dei muri da scritte e graffiti, dare l’acqua alle piante in piazza Cavour, sistemare le bacheche comunali. "Ho saputo di Ci Sto Affare Fatica dal centro diurno Il Faro – spiega Michelangelo Vignola, 15 anni – così mi sento utile e mi fa piacere pensare che chi arriva ad Ancona troverà un centro più bello e sistemato. Ci prendiamo anche cura dell’ambiente, curando il verde e le piante. Sto imparando cose nuove e nel frattempo posso anche stringere nuove amicizie".

Anche Enrico Pierangeli, 15 anni, studente dell’istituto d’arte Mannucci è molto soddisfatto di questa esperienza: "Sono venuto a conoscenza del progetto grazie a mia madre – sottolinea – e poi mi sono informato online e ho capito che poteva fare al caso mio. Credo che soprattutto in questo periodo sia importante dare un segnale, a partire da noi giovani. Lo facciamo per gli abitanti di Ancona ma anche per i turisti che arrivano magari dal porto e visitano il centro città. E’ bello vedere che la nostra attività viene apprezzata dalla cittadinanza, ne siamo orgogliosi".

In squadra anche Elisa Moroni, 16 anni, studentessa dell’Istituto Rinaldini: "Anche nel mio caso è stata mia madre a seganalarmi il progetto, cercavo un’attività per il periodo estivo che mi tenesse occupata e al contempo mi permettesse di fare un’esperienza di valore. Tra le attività che in questi primi giorni mi hanno maggiormente coinvolto la pulizia dei muri da scritte e graffiti, ma l’importante è dare comunque un contributo. Non conoscevo nessuno della mia squadra e ho già stretto alcune amicizie".

A salutare i giovani lunedì stamattina era presente l’Assessore alle Politiche Giovanili e al volontariato civico Marco Battino che ha fatto sapere quanto "l’Amministrazione Comunale sia contenta di ripartire con questo progetto perché è bello dedicare il proprio tempo ed investire le proprie energie nella cura della città". Ai partecipanti, al termine della settimana di volontariato verrà consegnato un ‘buono fatica’ dal valore di 50 euro spendibile nei punti vendita aderenti all’iniziativa per acquistare libri, abbigliamento, materiale informatico e spese alimentari. Quaranta le iscrizioni pervenute ad oggi al Comune.

"Il valore aggiunto di Ci Sto Affare Fatica è a mio avviso il far sentire i partecipanti parte di una comunità – le parole del presidente del Csv Marche Simone Bucchi – ringrazio la Regione che ha deciso di finanziare il progetto anche per il triennio 2022-2024".