"Vado a casa, ho mal di testa": addio alla prof Roberta Evangelista uccisa da un malore

Insegnava educazione fisica alle Donatello. L’allarme dei colleghi che non l’hanno vista arrivare a lezione

Roberta Evangelista, professoressa di ginnastica, insegnava alle Donatello: il mondo scolastico sotto choc

Roberta Evangelista, professoressa di ginnastica, insegnava alle Donatello: il mondo scolastico sotto choc

Ancona, 1 dicembre 2023 – Addio alla professoressa Roberta Evangelista: trovata morta in casa la docente di educazione fisica del Margherita Hack. L’amatissima insegnante di ginnastica insegnava alle Donatello di via Michelangelo Buonarroti. Sotto choc l’intera comunità scolastica e i suoi ex studenti: aveva 57 anni. Attivissima nel mondo dello sport anconetano, Roberta Evangelista era una tra le più amate prof delle Donatello. Secondo indiscrezioni, due giorni fa, di ritorno dai colloqui con i genitori, la donna avrebbe accusato un forte mal di testa. Poi, sarebbe andata a casa, nella sua abitazione di Camerano, dove viveva con il suo gatto.

Approfondisci:

Operaio ucciso da malore nel sonno dopo il lavoro. Il collega muore poche ore dopo

Operaio ucciso da malore nel sonno dopo il lavoro. Il collega muore poche ore dopo

La tragica scoperta stamattina, intorno alle 8.30. I colleghi delle Donatello non l’hanno vista arrivare e invece lei sarebbe stata in servizio. Sempre puntualissima e sorridente, viveva per i suoi alunni. Gli altri prof avrebbero iniziato a chiamarla, ma il telefono squillava a vuoto, così come Whatsapp. Immediata la chiamata al 112. A Camerano, in una manciata di minuti, sono arrivati i militi del 118. Avrebbero iniziato a suonare, ma da dentro non rispondeva nessuno. Poi, la scoperta: Roberta era distesa a terra. Un malore forse prima di andare a letto o appena sveglia.

La ricorda bene, Maria Alessandra Bertini, attuale preside del Savoia Benincasa, che però ha diretto le Donatello dal 2019 al 2021: "Roberta era una persona straordinaria, una ragazza piena di vitalità, entusiasmo e voglia di vivere. Amava il proprio lavoro e gli studenti, a cui dava l’anima in ogni circostanza". Ultimamente, collaborava con l’Ura, l’unione Rugbistica Anconitana e con i Dolphins. Ernesto Cimino, dell’Ura, stenta ancora a crederci: "Dava a tutti la possibilità di avvicinarci a qualsiasi sport, mi dispiace davvero".