Massacra di botte la compagna e la minaccia con un coltello: divieto di avvicinamento per un 41enne

L’aggressione a Vado, sull’Appennino bolognese: intervenuti i carabinieri. Ora l’uomo non si deve avvicinare alla sua vittima (500 metri) e non può comunicare con lei con qualunque mezzo

Violenza contro le donne: una manifestazione in piazza

Violenza contro le donne: una manifestazione in piazza

Vado (Bologna), 1 gennaio 2024 - Primo provvedimento dell'anno per maltrattamenti e violenza contro le donne. Dopo aver massacrato di botte la compagna, minacciandola con un coltello il 16 dicembre scorso, un uomo di 41 anni di Vado, sull'Appennino, si è visto recapitare dai carabinieri un’ordinanza di divieto di avvicinamento alla persona offesa, emessa dal Tribunale di Bologna su richiesta della Procura.

A lanciare l'allarme era stata un'amica della donna picchiata che ha contatto i carabinieri raccontando che la donna era stata picchiata e minacciata con un coltello dal fidanzato.

L'aggressione di metà dicembre

I carabinieri di Vado, dopo la telefonata dell'amica, si sono recati velocemente sul luogo e quando sono arrivati hanno trovato davanti all’abitazione una donna in lacrime e ferita che ha raccontato di essere stata picchiata dal compagno. Trasportata al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Bologna, la malcapitata è stata medicata e dimessa con una prognosi di trenta giorni per una frattura orbitale inferiore.

La denuncia ai carabinieri

Tre giorni dopo, la donna si è presentata dai carabinieri per sporgere denuncia e ha raccontato che il compagno l’aveva aggredita e minacciata in preda alla gelosia e obnubilato dall'alcol. La poveretta ha cercato di difendersi: rendendosi conto che il compagno era diventato violento, era riuscita a chiuderlo in bagno ed era fuggita. Ma il 41enne è riuscito a liberarsi sfondando la porta con un calcio, ha raggiunto la compagna e dopo averla afferrata per il collo, al punto da toglierle il respiro, l’ha presa a pugni sul volto ferendola all’occhio destro e frantumandogli lo zigomo sinistro.

Nel denunciare l'aggressione, la donna ha detto che non era la prima volta che è stata picchiata dal fidanzato.

Il provvedimento contro il fidanzato violento

Raggiunto dai Carabinieri della Stazione di Vado, il 41enne è stato sottoposto alla misura cautelare, con una serie di prescrizioni per tutelare la persona offesa, tra cui il mantenimento di una distanza di almeno 500 metri dalla donna e il divieto di comunicarvi con qualunque mezzo.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro