Elisabetta Franchi e la polemica sulle donne over 40: chi la attacca e chi la difende

Il sindaco Lepore: "Linguaggio di discriminazione. Ma manca ancora la posizione dell'associazione degli industriali". Sonia Bruganelli: "L'azienda è sua, decide lei". Le imprenditrici: "Approccio antiquato e aggressivo"

Elisabetta Franchi nella bufera dopo le dichiarazioni sulle donne over 40

Milano, convegno evento Donne e Moda, il barometro 2022, alla torre PWC al City Life, con Fabiana Giacomotti, Elisabetta Franchi (Milano - 2022-05-04, Maurizio Maule) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Bologna, 9 maggio 2022 - Continua la polemica contro le parole della stilista Elisabetta Franchi, sul ruolo delle donne nella sua azienda. E oggi è intervenuto anche il sindaco di Bologna Matteo Lepore, che a lato della presentazione del progetto "Bologna metalmeccanica" di Fiom e Spi commenta: "Non ho sentito prendere posizione l'associazione degli industriali. E' possibile che abbiamo industriali che dichiarano di non assumere le donne perché potrebbero voler avere figli? Ancora nel 2022 dobbiamo sentire un linguaggio di discriminazione di questo genere? Dobbiamo sfidare il sistema industriale a essere all'avanguardia", conclude. 

La stilista si difende: "Strumentalizzata"

Nel frattempo però sono proprio le donne imprenditrici a prendere le distanze dalle affermazioni di Franchi: "Prendiamo le distanze da pensieri che denotano un approccio antiquato, competitivo, aggressivo - afferma  Antonella Giachetti, presidente di Aidda, l'Associazione imprenditrici e donne dirigenti d'azienda -. Franchi non rappresenta certamente la nostra posizione. Dalle sue dichiarazioni emerge anche un approccio improduttivo di quelle necessarie trasformazioni nell'organizzazione del sistema economico sociale che, oggi, sono sempre più urgenti". 

Donne e lavoro, Bianchi: "No a contrapposizioni tra maternità e impiego"

Stroncatura anche dalle donne di Forza Italia: così infatti Erika Seta, coordinatrice di Azzurro donna, per cui le parole della stilista "sollevano un grande tema,  cui il Paese deve porre mano con la giusta serietà: quello delle politiche per la famiglia.  La strada da percorrere qui è ancora tanta, ma se non si legge ciò che sta dietro a quelle parole, si commette l'errore di guardare il dito e non la luna", avverte. 

Sonia Bruganelli: "L'azienda è sua, decide lei"

C'è anche l'altra faccia della medaglia però: quella di un po' ne prende le parti. Tra queste c'è l'imprenditrice (oltre che moglie di BonolisSonia Bruganelli, che così scrive su Twitter: "Il modo di Elisabetta Franchi di esprimere la sua politica aziendale non sarà sicuramente stato gradevole ma ricordo  che è la sua azienda, che paga lei  i suoi dipendenti  e credo sia libera di assumere chi reputa più opportuno. E adesso scatenatevi pure con la vostra demagogia".

Santanchè: "Massacrata da una sinistra radical chic"

Perché massacrare un'eccellenza italiana perché ha fatto un errore. Se lo Chiede Daniela Santanchè (FdI), "Elisabetta ha sbagliato, si è espressa male . Lei ha l'80% di donne nella sua azienda, 75% di giovani donne e 5% dirigenti. Il suo lavoro non è fare interviste-  Questi radical chic pronti a intervenire su tutto e tutti come se loro non sbagliassero mai - conclude la senatrice -. Nella vita solo chi non fa sbaglia".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro