Perseguita una donna conosciuta in chat, crea falsi account a suo nome e pubblica annunci hot: 29enne ai domiciliari

Il giovane, residente nella provincia di Ancona, è accusato di cyberstalking, diffamazione ed estorsione. L’uomo avrebbe minacciato ripetutamente la 30enne bolognese da maggio 2023 ed era stato già denunciato

Conosce una donna online e inizia a perseguitarla, 29enne di Ancona finisce ai domiciliari (foto generica)

Conosce una donna online e inizia a perseguitarla, 29enne di Ancona finisce ai domiciliari (foto generica)

Bologna, 27 febbraio 2024 - Cyberstalking, diffamazione ed estorsione. Sono questi i reati di cui è accusato un 29enne residente ad Ancona, indagato per avere perseguitato una trentenne bolognese conosciuta, solo virtualmente, su un sito di incontri. Per il giovane, il gip ha disposto gli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico, misura eseguita dalla polizia a seguito di indagini avviate dopo che la vittima si è rivolta alle forze dell'ordine, denunciando che da maggio 2023 veniva ripetutamente minacciata, molestata e diffamata.

L'uomo, frequentato solo online, aveva raccolto varie informazioni sul conto della donna come ad esempio il posto dove lei lavorava, la residenza e il numero di telefono. Attraverso questi dati, raccolti sui social, il ventinovenne aveva creato account falso a nome della donna e pubblicato annunci a carattere sessuale su siti di incontri. Sempre spacciandosi per la vittima, aveva pubblicato su pagine social false confessioni di presunti abusi sessuali che lei avrebbe subito da parte di suoi familiari, ledendo così anche la loro reputazione.

La trentenne avrebbe ricevuto anche minacce di morte per un imprecisato debito che avrebbe dovuto saldare. Un atteggiamento che aveva portato la trentenne a vivere in un perenne stato di ansia e paura, tanto che aveva iniziato a chiedere ai familiari di accompagnarla nei suoi spostamenti per paura che il suo stalker potesse raggiungerla sotto casa. Il giovane, a seguito di questi comportamenti, era stato già denunciato.

Una denuncia che però non gli aveva impedito di continuare a stalkerizzare la donna minacciandola di farle fare "una brutta fine”. La vittima aveva anche ricevuto un video preso da una nota trasmissione televisiva nel quale una donna raccontava di essere stata minacciata di morte e successivamente aggredita sotto casa da un uomo che aveva conosciuto in chat. A seguito dell’ennesima minaccia, per il ventinovenne anconetano sono scattati gli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico e il divieto assoluto di avere contatti con la trentenne.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro