La piscina gioiello della città: taglio del nastro tra giochi di luce

In trecento hanno inaugurato ‘Nuotiamo’. In collegamento anche il ministro Abodi. Seri: "Un impianto di tutti"

L'inaugurazione della piscina e i giochi di luce
L'inaugurazione della piscina e i giochi di luce

Fano, 2 febbraio 2024 – Giochi di luci, musica e spettacolo in acqua per l’inaugurazione di ‘Nuotiamo’ che aprirà al pubblico il 26 febbraio. Quasi 300 le persone presenti ieri pomeriggio anche se, a causa della capienza limitata, molti hanno seguito on line l’inaugurazione da casa.

In collegamento anche il ministro dello Sport e dei Giovani Andrea Abodi che ha promesso un tuffo nella nuova piscina definita un "gioiello" di cui andare orgogliosi. Il presidente della Fondazione Giorgio Gragnola ha ricordato lo sforzo compiuto da tutta la struttura organizzativa dell’ente, sostenta dagli organi decisionali della Fondazione, per portare a termine l’impianto e per contenere i costi.

"La Fondazione – ha aggiunto Gragnola – è un fattore di sviluppo di tutto il territorio e come tale va tutelata. La Fondazione è di tutta la comunità che, in ogni sua parte, deve contribuire alla crescita del patrimonio comune. Questo è un giorno particolarmente significativo per il bene dell’intera comunità".

Sulla collocazione baricentrica della struttura ha insistito il sindaco Massimo Seri: "Nuotiamo è la piscina non solo di Fano, ma di un intero territorio a cui apriamo la porta verso il futuro". Il sindaco si è detto "emozionato e soddisfatto per il grande traguardo raggiunto, traguardo che la comunità fanese attendeva da decenni. E’ stata realizzata una piscina bella, moderna, a basso costo e impatto ambientale: abbiamo il miglior impianto della regione".

Anche il presidente della Regione Francesco Acquaroli è rimasto colpito dall’ ‘importanza’ della struttura. "Non immaginavo – ha detto – una struttura così bella e imponente dal punto di vista architettonico e funzionale, realizzata nei 4 anni caratterizzati dal covid e dalla guerra e costata alla Fondazione diversi milioni di euro (7 milioni 200mila euro ndr)".

Acquaroli ha anche sottolineato "il valore delle Fondazioni che spesso intervengono là dove non arrivano gli enti locali". Ha aggiunto Acquaroli con riferimento alla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano: "Hanno costruito una struttura che è una opportunità per gli sportivi ma ha anche un valore sociale e sanitario". "La nuova piscina – ha sottolineato il parlamentare Mirco Carloni – è un esempio per tutti che le cose si possono fare anche in anni complicati come quelli che stiamo vivendo".

Il progetto di ‘Nuotiamo’ era stato presentato alla fine del 2019, quando ancora era alla guida della Fondazione Fabio Tombari ed è rimasto in eredità al nuovo presidente Giorgio Gragnola che lo ha portato a termine con un investimento di 7milioni 250mila euro: "Il più grande mai messo in campo – ha ricordato Gragnola – dalla Fondazione". La struttura che, sarà aperta al pubblico dalle 6.30 della mattina, alle 22.30, è dotata di tre vasche: una di maggiori dimensioni (21x25) e due più piccole, una per l’acquagym, l’avviamento al nuoto e le altre attività motorie e una per i bambini. Sono presenti inoltre numerosi spogliatoi (per uomini, donne e bambini).

La tribuna ha capienza di quasi trecento posti, c’è una zona bar che comunica con l’ingresso e con le vasche. E’ stato anche previsto un presidio per il recupero e la rieducazione funzionale che ha un accesso esterno autonomo e ha propri spogliatoi e servizi. L’elemento centrale della struttura sanitaria è una vasca per l’attività di riabilitazione in acqua. E’ prevista inoltre una piccola palestra per la ginnastica riabilitativa e l’attività motoria. La struttura viene consegnata ai gestori completamente arredata dalla Fondazione. Presente anche il vescovo Andreozzi che ha dato la benedizione finale.