"Casa fantasma in cerca di un padrone, ma nessuno la vuole"

ARGENTA Il fatto ha assunto i connotati di una vicenda kafkiana. Casa fantasma cerca padro...

"Casa fantasma in cerca di un padrone, ma nessuno la vuole"
"Casa fantasma in cerca di un padrone, ma nessuno la vuole"

Il fatto ha assunto i connotati di una vicenda kafkiana. Casa fantasma cerca padrone. Nessuno la vuole. E stando così le cose passerebbe allo Stato. Parliamo di un vecchio e fatiscente edificio residenziale, composto di tre unità abitative di cui due rese inagibili da 22 anni. E’ sito in Via Balla Cogolli, a San Biagio: una zona centrale del paese, ma un po’ fuori mano, ai piedi dell’argine del fiume Reno, zona turistico-ambientale. Versa in una evidente situazione di degrado ed incuria. Da molti anni è abbandonato. Gli inquilini han traslocato, ed i proprietari passati a miglior vita. Ora è in gran parte avvolto dalle erbacce, compresa l’area cortiliva. E’ invaso da ratti, bisce, volatili, insetti ed altri animali. Tanto che i vicini han preso carta e penna per segnalare al comune le precarie condizioni. I figli della proprietaria se ne sarebbero lavati le mani, non accettando l’eredità dalla madre. E, a tempo scaduto, il loro diritto è venuto meno. Una situazione Kafkiana insomma, che pone la domanda: che fare dunque, visto che il comune può intervenire solo in caso di reale pericolo per la pubblica incolumità, che non sussiste in quanto lontano dalla strada? "Rivolgersi al tribunale-spiega il vicesindaco Sauro Borea, su interrogazione della consigliera del Pd Nadia Cai-che nominerà un curatore per la ricerca di altri eredi sino al sesto grado di parentela. Ma nell’eventualità, e se anch’essi rinunciassero all’eredità, tutto passerebbe al demanio". Ma c’è un ultimo però: "la pratica è costosa e la richiesta deve essere inoltrata dai vicini, da creditori o dal comune, basandosi su motivazione ben fondate. Noi comunque-assicura Borea-ci impegniamo per migliorarne il decoro e promuovere al più presto la suddetta procedura".

Nando Magnani