Crac Carife, finalmente i bonifici. Pioggia di milioni per gli ex azionisti: "Traguardo difficile"

Arrivati i bonifici da Roma per la seconda tranche di ristori del 10% Cappellari: "Una notizia che attendevamo da tempo, siamo contenti C’è ancora un residuo di fondi, faremo in modo che vengano distribuiti"

Crac Carife: anche alla luce dell’archiviazione del procedimento penale restano ancora tanti nodi irrisolti
Crac Carife: anche alla luce dell’archiviazione del procedimento penale restano ancora tanti nodi irrisolti

Ferrara, 31 dicembre 2023 – Arrivati milioni di euro agli ex azionisti Carife. L’associazione Amici della Carife, che rappresenta gli ex azionisti e obbligazionisti della banca, l’altro ieri è stata tempestata di segnalazioni di associati che hanno comunicato la bella notizia della ricezione di un bonifico da parte di Consap di Roma, l’ente statale incaricato di eseguire gli indennizzi. Si tratta dell’arrivo della seconda tranche dell’indennizzo agli ex azionisti Carife, equivalente al 10% della somma originariamente pagata per l’acquisto delle azioni della ex Cassa di Risparmio. "È una notizia che attendevamo e che ci fa molto piacere – commenta Marco Cappellari, presidente dell’associazione –. Questo indennizzo del 10% si somma al 30% già pervenuto, per un totale di indennizzo del 40% della somma originariamente pagata dai risparmiatori per l’acquisto delle azioni della Cassa. L’indennizzo è arrivato a coloro che avevano presentato domanda di indennizzo al Fir entro il il 18 giugno 2020 e che hanno già ricevuto il primo indennizzo. L’unico modo per verificare l’arrivo dell’indennizzo è controllare il proprio conto corrente bancario dove si è già ricevuto la prima tranche del 30%. Aspettavamo questi bonifici già da diverse settimane. Ne stanno arrivando molte migliaia contemporaneamente".

“Abbiamo sentito stamattina (ieri, ndr) – prosegue Cappellari – il direttore del Fondo Indennizzo Risparmiatori di Roma, Massimiliano D’Alleva. Ci ha confermato che sono state fatte tutte le richieste di riesame di molte pratiche di indennizzo. Inoltre ci ha confermato che gli indennizzi del 10% sono stati già eseguiti tutti entro dicembre. Se qualcuno ancora non lo avesse ricevuto entro l’epifania, allora deve scrivere alla email fondoindennizzorisparmiatori@consap.it indicando possibilmente il proprio numero di pratica". "Dopo anni di volontariato, otto anni di infinite battaglie (l’azzeramento delle azioni è stato il 22 novembre 2015) e tanti viaggi a Roma e Bruxelles – commenta ancora Cappellari – sul nostro territorio ritornano molti milioni di euro. Questa somma non sana i danni profondi dati dalla scomparsa di una banca storica del territorio, ma costituisce comunque un difficile traguardo raggiunto. Va ricordato infatti che si tratta del primo indennizzo di Stato conferito a azionisti e obbligazionisti azzerati da un’assurda vicenda; vicenda che la nostra associazione ha spiegato dettagliatamente al governo il quale, preso atto di corto circuiti istituzionali ha deliberato con una apposita legge l’indennizzo del Fir".

La vicenda Carife, concludono gli Amici della Carife, "anche alla luce della fine e archiviazione dei processi penali a carico degli ex-amministratori resta con tante domande irrisolte. Sicuramente rappresenta il caso più clamoroso di fallimento del sistema di vigilanza bancario nazionale (si ricordi che un’assemblea degli azionisti convocata da Banca di Italia aveva stabilito il salvataggio della Carife il 30 luglio 2015) e, conseguentemente, un tradimento dell’articolo 47 della Costituzione che protegge il risparmio". Dopo questo pagamento del 10% a tutti gli azzerati, nel fondo Fir resterà un importante residuo di fondi; Amici della Carife continuerà a chiedere che queste somme vengano correttamente redistribuite agli azzerati.