"Palazzo Comunale, cantiere in attesa del disco verde"

Cento, ricostruzione post-sisma, il progetto alla Regione "Teatro Borgatti, si procede senza intoppi. Date rispettate".

"Palazzo Comunale, cantiere in attesa del disco verde"
"Palazzo Comunale, cantiere in attesa del disco verde"

"Il cantiere del Teatro Borgatti procede senza intoppi, rispettando le date previste nel progetto redatto dalla giunta, che è stato ulteriormente migliorato rispetto alle versioni precedenti", così i tre gruppi consiliari di maggioranza Partito Democratico, Attiva e Cento Si Cura fanno il punto sulla ricostruzione post sisma a Cento. "Il progetto per il cantiere del Palazzo Comunale – proseguono – è stato consegnato in Regione ed è in attesa di approvazione per poter avviare i lavori. L’amministrazione continua il suo instancabile lavoro per completare la ricostruzione post-sisma, ricostruzione attesa dalla nostra città da ben 11 anni. Questo impegno si concretizza attraverso la presentazione di nuovi progetti, l’aggiunta di implementazioni laddove necessario e il finanziamento dei cantieri già in corso. Ciò dimostra il nostro impegno a non limitarci a semplici continuazioni di progetti delle amministrazioni passate, ma a guidare in modo proattivo il processo di rinascita della nostra comunità".

Capitolo Pinacoteca. "La riapertura è stata un evento straordinario, protrattosi per tre giorni, e ha visto la partecipazione di numerose attività e istituzioni – continuano Partito Democratico, Attiva e Cento Si Cura –. Questo evento ha restituito alla città un patrimonio di inestimabile valore dopo 11 lunghi anni. La riapertura è il risultato di un imponente sforzo dell’amministrazione, in continuità con l’operato precedente ma arricchito da numerose implementazioni al progetto iniziale – sottolineano –. Al finanziamento originariamente previsto per il progetto sono stati aggiunti fondi supplementari per coprire gli aumenti dei costi dei materiali, il cofinanziamento del Bando Cultura, l’applicazione di avanzo vincolato del bilancio per coprire le spese per gli infissi, l’impianto di videosorveglianza, il restauro dello scalone, la manutenzione della pavimentazione di via Matteotti e dell’area antistante al Monumento ai Caduti".