Petrovic, un altro attaccante per la Spal

Con l’acquisto del gigante dal Trento, adesso sono 10 le punte in rosa. Si giocherà il posto con Zilli. Firmato il ritorno di Ghiringhelli

Petrovic, un altro attaccante per la Spal
Petrovic, un altro attaccante per la Spal

È il croato Tomi Petrovic l’attaccante sul quale il direttore tecnico Fusco scommette per trascinare la Spal fuori dalla zona playout. Stiamo parlando del centravanti classe 1999 del Trento, che oggi la Spal ingaggerà in prestito con diritto di riscatto. Le sue caratteristiche sono quelle tipiche della prima punta: 193 centimetri, molto forte fisicamente e perfetto per agire da terminale offensivo al centro del tridente di mister Colucci. Petrovic è arrivato in Italia nella stagione 2017-18 per giocare nella Primavera della Virtus Entella, ma a Chiavari è anche stato utilizzato in cadetteria e in serie C. Il gigante croato è transitato anche per Rimini, Vercelli, Lucca, Lecco e Pontedera, ma la svolta della sua carriera è avvenuta a Trento, dove nel giro di 12 mesi (da gennaio 2023 a gennaio 2024) ha realizzato 11 gol in 39 gare di campionato. Sono sette le reti firmate da Petrovic nel corso di questo torneo (nel girone A di serie C), nel quale ha viaggiato alla media di mezzo gol a partita fino a metà dicembre prima di fermarsi nelle ultime cinque giornate. Prevedibilmente il 24enne croato si giocherà il posto al centro dell’attacco con l’altro nuovo acquisto, Massimo Zilli. Anche se adesso la batteria delle punte è fin troppo numerosa, comprendendo pure i vari Mirco Antenucci, Alessandro Orfei, Simone Rabbi, Nicola Dalmonte, Dario Sits, Luca Siligardi, Simone Edera ed Emanuele Rao, quindi non si può escludere totalmente una cessione nell’ultima giornata di mercato (la deadline per le trattative è fissata per stasera alle 20).

L’altro nodo irrisolto è relativo al portiere, ma a questo punto è possibile che la dirigenza biancazzurra decida di non intervenire. I sondaggi che la Spal aveva effettuato – da Antonio Donnarumma del Padova a Jacopo Furlan, che dopo il divorzio col Perugia si è accasato al Catania – non si sono trasformati in vere e proprie trattative, e se non spunterà un’opportunità last minute gli estremi difensori a disposizione di mister Colucci resteranno Alfonso, Galeotti, Del Favero e Meneghetti. Probabilmente pesa il problema di riuscire a cedere Del Favero, ma dalle parti di via Copparo viene anche sottolineato che le condizioni di Alfonso sono in miglioramento e che Galeotti ha destato una buona impressione al debutto. Intanto, ieri la Spal ha perfezionato l’ingaggio a titolo temporaneo dal Sudtirol di Luca Ghiringhelli, terzino classe 1992. Il difensore si è già messo a disposizione dello staff tecnico in vista del prossimo match di campionato. Per Ghiringhelli si tratta di un ritorno a Ferrara dopo 12 anni, considerando che fece parte della squadra di Vecchi nella disgraziata stagione 2011-12 (l’ultima targata Butelli). In biancazzurro dovrebbe diventare un punto fermo sulla fascia destra della difesa a quattro, rappresentando anche una eventuale alternativa a Tripaldelli sulla sinistra: indosserà la maglia numero 24. Infine, la Spal ha ceduto il difensore Daniel Dumbravanu in prestito al Messina.