Risparmio energetico in corsia. Quasi due milioni di investimenti . E’ la svolta green degli ospedali

La parte più consistente della cifra per i nosocomi del Delta, Cento e Argenta e in alcune Case della Comunità. Verranno sostituiti i corpi illuminanti che si trovano negli spazi comuni (corridoi, vani scale e sale di attesa).

Risparmio energetico in corsia. Quasi due milioni di investimenti . E’ la svolta green degli ospedali
Risparmio energetico in corsia. Quasi due milioni di investimenti . E’ la svolta green degli ospedali

Assicurare la sostenibilità ambientale e l’efficientamento energetico delle strutture sanitarie. È uno degli obiettivi prioritari del maxi-piano di interventi da oltre 46 milioni della Regione Emilia-Romagna, condiviso dalle Aziende Sanitarie di Ferrara a cui è stato assegnato 1 milione e 814mila euro per interventi di risparmio energetico sull’illuminazione delle strutture sanitarie del territorio.

L’investimento – è arrivato il via libera dalla giunta regionale all’accordo con il ministero della Salute finanziato dal “Fondo per il rilancio degli investimenti delle amministrazioni centrali dello Stato e lo sviluppo del Paese”, la maggior parte delle risorse assegnate nel triennio 2024-2026 – permette diversi interventi sul Ferrarese. A Ferrara sono in cantiere diversi progetti di efficientamento energetico in alcune strutture sanitarie dell’Ausl estense, per un totale di 1 milione e 50mila euro, oltre ad un analogo intervento da 764.327 euro sul fabbricato 12 dell’ex ospedale Sant’Anna. Gli interventi da oltre 1 milione negli ospedali del Delta, di Cento e di Argenta e nelle principali Case della Comunità sul territorio per migliorare l’efficienza degli impianti di illuminazione. L’intervento prevede la sostituzione dei corpi illuminanti negli spazi comuni (corridoi, vani scale e sale di attesa) con plafoniere “Led” di concezione moderna e meno energivori. Si tratta di luoghi dove l’illuminazione è attiva per molte ore al giorno e, pertanto, i lavori consentiranno di ridurre in maniera significativa i consumi. Un analogo intervento da 764mila euro interesserà la Cittadella San Rocco. Nell’ottica di concentrare nell’ex ospedale le attività amministrative delle Aziende Sanitarie di Ferrara. E’ previsto l’intervento di efficientamento energetico del “Corpo 12” dove attualmente sono collocati i servizi comuni amministrativi: Personale, Formazione ed Economato. L’intervento prevede la sostituzione dei serramenti esterni, l’installazione negli spazi comuni delle plafoniere Led a risparmio energetico e la sostituzione dei corpi riscaldanti all’interno degli uffici con fan-coil ad alta efficienza. Un investimento green che si accompagna ai progetti finanziati dal Pnrr per la sanità della provincia di Ferrara, le cui risorse complessive ammontano a 32.848.483 euro per l’Ausl e 9.640.702 euro per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara. Lo stato dell’arte del Pnrr sul territorio vede lavori già partiti e acquisizioni di apparecchiature per 5 milioni nel 2023. E ulteriori 10 milioni dlavori sono in partenza. In corso le pratiche per l’acquisizione di apparecchiature e tecnologie, sempre da Pnrr, per circa 20 milioni. Ai quali si aggiungono i lavori per 7,5 milioni all’Ospedale di Cento, che derivano non da Pnrr ma da finanziamenti statali e regionali e i lavori, in corso, presso l’ex Ospedale “Borselli” di Bondeno. Sei progetti, per di 9.592.900 euro riguardano le Case di Comunità. Uno di questi, la manutenzione straordinaria della Casa di Comunità di Portomaggiore, per 1.461.288 euro, è partito lo scorso mese. Interventi per 7,7 milioni sono invece in partenza. Si tratta della ristrutturazione della Casa della Comunità di Ferrara (4.507.281) e di Copparo (3.201.469). A Copparo questi lavori si aggiungeranno agli ambulatori che si sono appena finiti di ristrutturare. Gli ulteriori tre interventi, per 420mila euro, partiranno entro marzo. Si tratta delle manutenzioni delle Case di Comunità di Bondeno (147.300), Comacchio (114.238,44) e Codigoro (161.324). Altri sei progetti riguardano il capitolo Pnrr denominato “Casa come primo luogo di cura e telemedicina”: nel corso del 2023 sono già partiti, e in parte completati, lavori per complessivi 600mila euro. Si tratta delle manutenzioni straordinarie alle Centrali operative territoriali di Ferrara (463.100), Argenta (90.714,58), Bondeno (14.750) e Comacchio (30.713).