Alpi, storia di un trionfo. Premio nazionale al gruppo di Modigliana: "La meta più importante"

Il riconoscimento da parte di Ernts & Young. Il presidente: "Siamo onorati"

Alpi, storia di un trionfo. Premio nazionale al gruppo di Modigliana: "La meta più importante"

Alpi, storia di un trionfo. Premio nazionale al gruppo di Modigliana: "La meta più importante"

Il modiglianese Vittorio Alpi, 67anni, presidente di Alpi Spa e di Finalpi Spa, cui fanno capo le aziende industriali e le filiali commerciali estere, ha ricevuto a Milano il premio ‘EY L’Imprenditore dell’Anno’, nella categoria ’Modelli di Business Sostenibili’. Ernst&Young, una delle più autorevoli società di consulenza globale delle aziende, assegna ogni anno il premio, in 150 città e 65 Paesi, ad oltre 900 imprenditori innovativi e di successo nel mondo.

Riconoscimento ambìto: è riservato a quelli che hanno contribuito in modo significativo alla crescita dell’economia italiana, dimostrando intraprendenza, creatività e impegno. "Da 26 anni premia in ogni Stato il vincitore nazionale e poi tanti altri premi in vari settori; a noi – rimarca Vittorio Alpi – è stato assegnato soprattutto per il lavoro fatto in Africa, per la sostenibilità ambientale e sociale e in Italia per la sostenibilità sociale nell’essere una realtà industriale importante in una comunità non grande. E questo ci pone di fronte a notevoli responsabilità sociali e occupazionali perché vi è una stretta integrazione tra popolazione e impresa, e nelle situazioni locali i rapporti interpersonali facilitano la comprensione reciproca".

La soddisfazione di Alpi è evidente in ogni parola: "Per noi è il riconoscimento più importante degli ultimi decenni, da quando cioè abbiamo riposizionato il marchio verso l’alto, grazie soprattutto all’introduzione di prodotti più sofisticati. Sono molto onorato e ringrazio tutto il management e tutto il personale di Alpi, senza il quale questo risultato non sarebbe stato possibile". La giuria indipendente di E&Y lo ha scelto "per avere trasformato il proprio modello di business adattandolo ad un mercato in continua evoluzione, mantenendo alta l’attenzione alla qualità del prodotto e alla sostenibilità ambientale e sociale, diventando un punto di riferimento del suo settore con uno sguardo molto attento ai temi della sostenibilità".

La Alpi, fondata nel 1919 da Pietro, nonno di Vittorio, da laboratorio di alta ebanisteria è diventata industria leader nella produzione di superfici decorative. Negli anni cinquanta il testimone passò a Valerio, padre di Vittorio, e nel 1975 venne aperto il primo stabilimento in Camerun per assicurarsi la costante fornitura di materie prime. Dagli anni ’80, con l’attuale presidenza, iniziarono prestigiose collaborazioni con nomi di spicco del design fino a Piero Lissoni, dal 2015 Art director. La Alpi occupa 400 persone in Italia e 1300 in Africa, con prodotti distribuiti in 60 paesi e un insediamento industriale di 180 mila metri quadri (di cui 52mila coperti) in Italia e 346.500 (di cui oltre 67mila coperti) in Africa (Camerun e Costa d’Avorio), con licenze per la gestione di 500mila ettari di foresta, garantendo anche lo sviluppo delle comunità locali in termini economici e di infrastrutture.