Daniele Mezzacapo: "Impianti sportivi, in 5 anni investiti 29 milioni di euro"

Il vicesindaco rivendica: "Interventi in ciascuna struttura cittadina, di tutte le discipline". E annuncia: "Ripeteremo i corsi di autodifesa gratuiti per le donne, 80 posti subito esauriti". .

Daniele Mezzacapo: "Impianti sportivi, in 5 anni investiti 29 milioni di euro"

Daniele Mezzacapo ha le deleghe a sicurezza, urbanistica e sport

Urbanistica, edilizia privata, sicurezza, Polizia Locale e sport sono le deleghe in capo al vicesindaco, Daniele Mezzacapo, che ieri ha presentato – con a fianco il sindaco Gian Luca Zattini – la relazione di fine mandato. Si è partiti con lo sport, delega a cui Mezzacapo tiene molto e che lo ha visto impegnato in una ricognizione di tutti gli impianti della città non appena insediatosi nel 2019. "Abbiamo così progettato tutti gli interventi di cui gli impianti avevano bisogno, straordinari e ordinari, e abbiamo proceduto a mettere in cantiere tutto quanto necessario".

Sono stati 56 gli impianti sportivi che sono stati oggetto di intervento, dal polisportivo Monti della Cava ai nuovi campi di pallacanestro e volley del parco Dragoni, dalla riqualificazione della pista del velodromo Servadei alla nuova tribuna del polisportivo di Pievequinta, per un costo complessivo di quasi 29 milioni di euro. "Una cifra enorme – chiosa il sindaco Zattini –, che non trova eguali in tutto il dopoguerra come investimento negli impianti sportivi". "Siamo intervenuti in tutti gli impianti – afferma il vicesindaco – senza lasciare indietro nessuna pratica sportiva e nessuna associazione". Tante anche le manifestazioni che si sono svolte in città che hanno visto il Comune come patrocinatore e co-organizzatore. "L’Atp 125 e 80 di tennis a Villa Carpena che ha portato in città l’azzurro Lorenzo Musetti – ricorda Mezzacapo –, il Giro d’Italia, la 1000 Miglia, i campionati italiani e internazionali di scacchi". Una menzione particolare per i corsi gratuiti femminili di difesa personale: "Li proponiamo anche quest’anno, già nella prima ora di apertura delle iscrizioni gli 80 posti messi a disposizione sono andati esauriti".

Sul fronte della sicurezza è il sindaco a ricordare come sia stato fondamentale "riportare sotto il diretto controllo del Comune la Polizia Locale uscendo dall’Unione". "Abbiamo ereditato dall’Unione – spiega Mezzacapo – un corpo che contava 89 addetti, li abbiamo portati a 114. Abbiamo anche rinnovato le dotazioni e potenziato il parco mezzi, oltre ad aver garantito che gli agenti passino sempre più tempo in strada, anche come forma di deterrenza".

Sul fronte sicurezza anche il progetto Case Sicure (con le forze dell’ordine che parcheggiano nei condomìni Acer), le convenzioni con le guardie ecologiche volontarie, zoofile, associazione cinofila e guardie ecologiche Earth. "Sono oltre 70 volontari che svolgono un fondamentale servizio di presidio soprattutto dei parchi sotto il coordinamento della polizia locale".

Sono stati ribaditi anche i numeri della videosorveglianza: "Quando ci siamo insediati – spiega il sindaco – gli enti di pubblica sicurezza ci hanno chiesto di poterci dotare di telecamere ad alta risoluzione, altrimenti era meglio non fare niente". "In questa direzione ci siamo mossi – prosegue il vicesindaco –, con l’installazione di 493 telecamere ottiche, contro le zero presenti nel 2019. Quando saranno finiti alcuni lavori in corso saranno 667. Mentre quelle di lettura delle targhe lungo i principali assi viari sono 86: nel 2019 non c’erano".

Una sola considerazione sul fronte dell’urbanistica: "In 5 anni non abbiamo previsto un solo nuovo insediamento – riprende Zattini –, abbiamo favorito solo gli ampliamenti aziendali che portano maggior lavoro, del resto abbiamo gestito al meglio una cervellotica previsione urbanistica del 2017 che portava quasi 100 nuove aree commerciali in città".