Gli studenti raccontano il massacro della Fornace

La scuola media di Meldola ha realizzato un depliant da divulgare ai cittadini in cui sono raccolte le vicende storiche dell’eccidio del 21 agosto del ’44.

Gli studenti raccontano  il massacro della Fornace
Gli studenti raccontano il massacro della Fornace

Un progetto per non dimenticare e studiare la storia del proprio territorio ha visto protagonista la classe 3ªD della scuola media di Meldola che ha realizzato un progetto di approfondimento sul massacro della Fornace, avvenuto il 21 agosto 1944, l’evento più tragico che ha colpito Meldola durante il secondo conflitto mondiale. Il progetto, coordinato dai professori Gianluca Orsini, Sergio Fiordoro e Maria Carabini, è stato organizzato con la collaborazione di Aurora Bombacci dell’Archivio storico del Comune di Meldola, Paola Borghesi dell’Anpi di Meldola, Miro Flamigni dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Forlì-Cesena, e prevedeva lo studio delle fonti storiografiche e dei documenti d’archivio riguardanti il drammatico fatto e il contesto in cui avvenne, la visita al monumento commemorativo dedicato alle vittime e l’analisi delle sue caratteristiche, la raccolta di testimonianze dei parenti e discendenti dei fucilati.

E’ stato quindi prodotto e stampato un dépliant informativo intitolato ’Meldola 21 agosto 1944’ che sarà distribuito ai cittadini, in cui sono presentate le principali notizie e vicende storiche riguardanti l’eccidio della Fornace e la costruzione del monumento ai caduti, con documenti storici, fotografie, illustrazioni e disegni realizzati dagli alunni, e una poesia di Gloria Nanni, nipote di Lello Nanni, una delle 18 vittime fucilate dai nazifascisti. Un materiale utile per mantenere viva la conoscenza e la memoria di questo tragico evento, in occasione delle celebrazioni ufficiali che si svolgeranno sabato 26 agosto presso il monumento a ricordo della strage, alla presenza delle autorità civili, militari, religiose e delle associazioni combattentistiche e d’arma.

"Desideriamo ringraziare la dirigente scolastica e i professori, gli alunni, gli esperti e i parenti delle vittime che hanno partecipato alla realizzazione di un progetto di grande valore didattico ed educativo – dichiarano il sindaco di Meldola Roberto Cavallucci e l’assessore alla cultura e Istruzione Michele Drudi –. È stato un percorso nel quale gli studenti hanno potuto mettere in gioco le proprie capacità e portare un contributo importante alla crescita della consapevolezza storica e civile del passato della nostra comunità e delle radici della nostra Costituzione".

Oscar Bandini