Il Comune prepara il giro di vite: "Locali chiusi alle 20 in alcune vie"

L’annuncio del vicesindaco: "Si valuti il ritiro della licenza in caso di recidiva"

Il Comune prepara il giro di vite: "Locali chiusi alle 20 in alcune vie"
Il Comune prepara il giro di vite: "Locali chiusi alle 20 in alcune vie"

Dopo le richieste di 250 residenti del centro e il vertice in Prefettura, il Comune si muove: chiusura anticipata di certe attività e, in casi di recidività, è allo studio persino la revoca della loro licenza (due delle proposte dei cittadini). Lo ha comunicato ieri, in una nota, il vicesindaco Daniele Mezzacapo (nella foto), che ha le deleghe alla sicurezza e alla polizia locale: "L’incontro con la delegazione di residenti ha fatto seguito a momenti di ascolto che ho avuto con diversi cittadini e residenti. Fin dall’inizio ho attivato la Polizia locale per potenziare i controlli nelle zone individuate dai cittadini come le più critiche. Sono state 40 sanzioni per ubriachezza molesta, consumo di alcolici sul suolo pubblico e vendita di bevande alcoliche oltre i limiti orari definiti per legge".

Era necessaria però "ulteriore attenzione": "Ho chiesto anche di effettuare controlli in modo sistematico nei vari mini-market soprattutto quello di via degli Orgogliosi e in quei pubblici esercizi del centro storico nei confronti dei quali sono già state emesse sanzioni". Nel caso specifico di via degli Orgogliosi, "il Comune aveva già sospeso la licenza per 5 giorni dettandone la chiusura forzata, provvedimento questo inasprito da un’ulteriore sospensione della licenza per motivi di ordine pubblico".

I cittadini hanno sottolineato come la situazione, durante lo stop, sia sensibilmente migliorata. C’è un analogo precedente in corso Mazzini, nei pressi della galleria Saffi, un grande palazzo che si trova di fronte agli uffici statali e alle spalle delle Poste. Sottolinea Mezzacapo: "È evidente che il rispetto delle regole è fondamentale, sia per il decoro, sia per garantire la sicurezza dei cittadini, sia negli interessi di tutte le varie attività commerciali che rispettano le norme svolgendo un lavoro di qualità". E poi illustra il provvedimento nuovo: "È stato evidenziato che le ore più critiche sono quelle serali. Dunque, nei prossimi giorni si provvederà in alcuni luoghi della città e in alcuni punti specifici, a limitare gli orari di apertura delle attività alle ore giornaliere con chiusura non oltre le 20. E in alcuni casi di recidività è in fase di valutazione persino la revoca della licenza. Ciò sarà adottato nei confronti di chi ad oggi, in totale spregio della legge e delle normative, continua a creare disagi, disturbi e problemi di sicurezza ai residenti e alle altre attività commerciali ed economiche".

Secondo quanto comunicato dal Comune, sono stati predisposti anche una serie di interventi mirati all’accertamento del rispetto delle norme igieniche.

s. b.