Il Forlì ha due ‘nuovi’ protagonisti. Merlonghi ritrovato, Visani lanciato

Il bomber è tornato decisivo dal dischetto: "Non segnavo da un bel po’, avevo voglia di sbloccarmi"

Il Forlì ha due ‘nuovi’ protagonisti. Merlonghi ritrovato, Visani lanciato

Il giovanissimo Raffaele Visani abbraccia Mario Merlonghi: è la foto simbolo del trionfo sull’Imolese. L’attaccante è partito dalla panchina per un fastidio muscolare

Il Forlì si prende il derby con l’Imolese e in un colpo solo saluta il ritorno al gol di bomber Merlonghi (suo il rigore decisivo della trilogia dagli undici metri), scopre il gioiellino Visani e, complici i risultati maturati sugli altri campi, riapre il campionato. "Abbiamo vinto e accorciato le distanze dalla vetta. Dopo le ultime due partite, era fondamentale ottenere i tre punti", scandisce Mario Merlonghi. Che spiega così il motivo del suo ingresso in campo a partita in corso anziché dal 1’: "In settimana avevo accusato un fastidio all’adduttore, quindi di concerto con il mister abbiamo optato per questa soluzione".

E a chi gli chiede se ricordasse da quanto non segnava risponde cavallerescamente sorridendo: "Da un bel po’. Era ora di sbloccarsi. Avevo tanta voglia di tornare al gol e di vincere, dopo essere stato fuori tre settimane". Nel mentre, la classifica racconta di un Forlì a -4 dalla capolista Ravenna, sorprendentemente affondata tra le mura amiche dal Lentigione. "Noi andiamo dritti per la nostra strada – chiosa l’attaccante di Monterotondo –, consapevoli di dover incamerare più punti possibili. Poi vedremo quello che verrà… Dobbiamo solo stare tranquilli e pensare a una partita alla volta. Serve tanto entusiasmo".

Protagonista insospettabile, più impattante di Geolier a Sanremo e novello Masaniello (durante la partita ha ripetutamente incitato il pubblico di fede biancorossa ad alzare i decibel), Raffaele Visani, 17enne terzino sinistro schierato da Antonioli nell’undici di partenza, dichiara: "Sono molto contento di aver esordito dal 1’, dopo il debutto nel finale a Certaldo, e di aver contribuito a far sì che la squadra sia riuscita a portare a casa il risultato pieno".

Rientrato al Forlì dalla parentesi con la Primavera del Cesena ("là non ho trovato spazio, per cui sono tornato a casa dove si sta sempre bene"), Visani rivela di aver avuto il sentore, nella settimana propedeutica al derby, che sarebbe venuto il suo momento ma "fino all’ultimo c’è sempre il dubbio", giacchè Antonioli è solito tenere tutti sulla corda. "E comunque la notte prima della gara ho dormito sereno", ride. Per lui ora, stante l’infortunio che terrà fuori Rossi, si prospetta un impiego costante a sinistra: "Io penso solo a fare bene ogni qualvolta sarò chiamato in causa, poi quando rientrerà Rossi sarà un bel duello…". Quanto al motivetto ("Visani uno di noi") dedicatogli dai tifosi, il talentino biancorosso chiosa: "Li ringrazio. Allo stadio c’erano i miei amici, accorsi per supportarmi".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su