Si è vista l’Unieuro più bella: "Tanta energia, così è più facile"

Coach Martino era a rischio per l’influenza: "Valentini? Non poteva dimenticarsi come si fa canestro"

Si è vista l’Unieuro più bella: "Tanta energia, così è più facile"

Si è vista l’Unieuro più bella: "Tanta energia, così è più facile"

"Siamo stati molti bravi ad affrontare la partita con la giusta determinazione e mentalità. Poi abbiamo avuto una buona percentuale al tiro e soprattutto realizzato tanti canestri in campo aperto che nascevano da un bell’atteggiamento difensivo". Coach Antimo Martino analizza così la netta affermazione contro Cento che regala la vetta momentanea della classifica ai biancorossi. Una vittoria ampia per un match sempre in controllo, con un approccio subito aggressivo. "Sono contento perchè abbiamo reso facile una gara che poteva non esserlo. Chiaramente occorre riconoscere ai nostri avversari l’assenza di un giocatore importante come Wendell Mitchell, ma siamo stati comunque bravi, con il contributo di tutti i ragazzi. Abbiamo avuto una settimana complicata con diversi atleti influenzati, me compreso e anche io ero a rischio, ma è andata bene".

Quella con Cento è la prima partita di un trittico che prevede la trasferta contro Nardò e il derby al Palafiera contro la Fortitudo. "Abbiamo cercato di coinvolgere tutti – prosegue – anche in vista di una settimana intensa e perché l’andamento dell’incontro lo consentiva. I ragazzi chiamati in causa hanno dimostrato di potersi esprimere bene e sono contento dell’apporto dei giocatori nell’arco dei 40 minuti".

Degna di nota la prestazione di Fabio Valentini, autore di una prova convincente, "ma non ero preoccupato, anche perché si è sempre impegnato, ci tiene e sta male quando le cose non vanno bene. Fabio ha qualità, non si dimentica come si fa canestro e sapevo che era esclusivamente una questione di tempo. È arrivata la giornata giusta e Fabio è stato bravo non solamente nel tiro da fuori: è stato uno di quelli che ha indirizzato la partita nella giusta direzione. Abbiamo disputato un match solido, con tanta energia sul parquet che ci ha portato alla vittoria".

Sul versante centese coach Matteo Mecacci riconosce "la superiorità di Forlì che è una squadra più forte e in fiducia. Abbiamo problemi fisici anche cronici. In più Forlì ha messo più intensità in campo meritando il successo. Ma ora non dobbiamo disunirci".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su