Banca di Imola aiuta le imprese

Banca di Imola ha deliberato l'acquisto di crediti fiscali per fornire liquidità alle piccole imprese nei territori alluvionati. Importo massimo cedibile 50mila euro, condizioni di acquisto agevolate. Un'iniziativa per contribuire alla ripresa dell'attività imprenditoriale e alimentare la fiducia.

Banca di Imola aiuta le imprese
Banca di Imola aiuta le imprese

La Banca di Imola ha deliberato l’acquisto di crediti fiscali derivanti da ristrutturazioni edilizie che le imprese non sono riuscite a cedere. Lo rende noto lo stesso istituto di credito appartenente al gruppo bancario La Cassa di Ravenna, spiegando come si tratti di un provvedimento adottato per fornire liquidità agli artigiani e alle piccole imprese che operano nei territori alluvionati.

Per poter accedere all’agevolazione, occorre che l’attività sia ubicata nei territori alluvionati, come da censimento della Regione Emilia-Romagna. L’agevolazione ha le seguenti caratteristiche: importo massimo cedibile 50mila euro; crediti diversi dal ‘Superbonus 110%’, detraibili in massimo dieci quote annuali e per le quote di competenza dell’anno 2024 e successivi; termine per la formalizzazione delle cessioni: 31 dicembre 2023; condizioni di acquisto agevolate.

"Attraverso questa ulteriore iniziativa a sostegno dei territori colpiti dall’alluvione, Banca di Imola intende favorire la ripresa della normale attività imprenditoriale locale – sottolineano dall’istituto di credito, di cui è presidente Giovanni Tamburini (foto) –, contribuendo ad alimentare la fiducia di imprese e famiglie".