Panieri punge Sangiorgi "A Cervia stiano attenti"

Il sindaco replica all’ex prima cittadina del M5s: "È stata molto in Riviera, altrimenti si sarebbe accorta di tutto quello che abbiamo fatto in questi anni".

Panieri punge Sangiorgi   "A Cervia stiano attenti"
Panieri punge Sangiorgi "A Cervia stiano attenti"

"Fatico a trovare le parole, ricordando quello che trovammo all’inizio del mandato: una città ferma, isolata, divisa, con un bilancio complesso, realtà abbandonate e opportunità perse. Tanti si ricordano quei mesi". No, il sindaco Marco Panieri non ha gradito le dichiarazioni rilasciate ieri su queste pagine dall’ex prima cittadina Manuela Sangiorgi. La replica alla Sangiorgi, che da nuova coordinatrice di una lista civica di Cervia nata in antitesi all’amministrazione di centrosinistra guidata da Massimo Medri aveva criticato anche la Giunta imolese, è durissima. Di quelle che quasi mai, in questi tre anni di mandato, Panieri ha riservato alle attuali forze politiche di opposizione nostrane.

"Un’ex sindaca, sfiduciata nei fatti dalla sua stessa Giunta e dal Consiglio, dimessasi dopo soli 16 mesi, riappare in questa calda mattina d’agosto", è l’affondo di Panieri, che pubblica via social la "rassegna stampa suggestiva" nella quale l’unico articolo presente è l’intervista della Sangiorgi al Carlino. E aggiunge: "Dice che si lancia in questa nuova sfida ‘senza pensarci troppo’. Mi auguro ci abbia pensato più del 2018, per com’è finita. Oggi chiude con Imola? Mah, penso sia stata Imola a chiudere con lei".

E ancora: "Oggi addirittura sostiene che siamo una città che non investe", protesta il sindaco. Che rilancia: "Ultimamente è stata molto a Cervia, direi. Altrimenti avrebbe notato gli oltre 100 milioni di investimenti previsti entro il 2025, saprebbe del ritorno dei grandi eventi (ma i concertoni del 2022 in Autodromo furono contrattualizzati durante il mandato Sangiorgi, ndr), dei cantieri sbloccati, dei nuovi insediamenti industriali, del calo del debito comunale, della chiusura della discarica nel 2024, dei nuovi alloggi popolari, della riapertura di Ca’ Vaina, dell’Osservanza che rinasce, di viale Andrea Costa, di piazzale Marabini, del project di illuminazione pubblica, delle oltre 30 nuove videocamere di sorveglianza, degli street-tutor, degli oltre 90 posti in più negli asili nido".

Tutte cose che "prima non c’erano – rivendica Panieri – e che una nuova squadra, con umiltà e impegno, sta portando avanti passo dopo passo, fra imprevisti ed emergenze".

Infine, da parte del primo cittadino, anche un "pensiero di vicinanza a Cervia" da sempre amministrata dal centrosinistra. E un monito, pescato direttamente dalla conclusione dei Promessi sposi: "Come scriveva Manzoni, ‘I guai vengono bensì spesso perché ci si è dato cagione, ma la condotta più cauta e più innocente non basta a tenerli lontani’".

Enrico Agnessi