Street tutor promossi Il sindaco Panieri: "Ora c’è più sicurezza Contratti da prorogare"

Il primo cittadino vuole proseguire con il progetto in scadenza a fine mese. Per farlo servono i fondi della Regione: "La loro presenza è molto utile". Le opposizioni però sono contrarie e lamentano la scarsa presenza in strada.

Street tutor promossi  Il sindaco Panieri:  "Ora c’è più sicurezza  Contratti da prorogare"
Street tutor promossi Il sindaco Panieri: "Ora c’è più sicurezza Contratti da prorogare"

di Enrico Agnessi

Il Comune promuove gli street tutor. Ed è pronto a rinnovare i contratti con i vigilantes privati impiegati ormai da tempo anche a Imola in attività di "prevenzione dei rischi" e di "mediazione dei conflitti" fuori dai locali, nelle aree più delicate della città e in occasione di eventi pubblici. L’intesa sottoscritta a inizio anno con l’agenzia di sicurezza Magnum Exclusive scade infatti a fine agosto; ma il sindaco Marco Panieri, soddisfatto per l’esito della collaborazione portata avanti in questi mesi, è intenzionato a chiedere alla Regione di prorogare il progetto ‘Spazi pubblici sicuri e accoglienti nel rispetto della legalità’ varato a dicembre 2022. Un piano, quello finanziato appunto dalla Giunta del presidente Stefano Bonaccini, che oltre al potenziamento del sistema di videosorveglianza cittadina prevede proprio l’impiego degli uomini con la pettorina rossa.

"Vogliamo andare avanti su questa strada chiedendo alla Regione di rifinanziare il progetto – avverte il sindaco Panieri –. Sono soddisfatto dell’operato degli street tutor, che ci hanno aiutato molto in questi mesi con i controlli in varie zone della città e durante gli eventi. La loro presenza, unita al rafforzamento delle dotazioni a disposizione della Polizia locale e al nuovo sistema di illuminazione pubblica cittadina, sarà molto utile sul versante della sicurezza".

Va detto che le forze politiche di minoranza hanno dato, in questi mesi, un giudizio totalmente opposto del lavoro svolto dai vigilantes privati. A più riprese infatti i gruppi di opposizione, e in particolare quelli di centrodestra, si sono lamentati della scarsa presenza degli street tutor lungo le strade cittadine. La Giunta è però convinta della necessità di prorogare il servizio. E il primo passo è stato già compiuto. Come? Attraverso l’allungamento del contratto con Magnum Exclusive, scaduto ieri, per un ulteriore mese. Stanziati a tale scopo 3.690 euro, che serviranno a finanziare un pacchetto di ulteriori 240 ore di attività da dividere tra i vari operatori di qui a fine agosto. A quel punto, bisognerà sedersi attorno a un tavolo e parlare di rinnovo. Probabile che, come già accaduto nel recente passato, gli street tutor continuino a essere impiegati nell’area del centro storico, nella zona della stazione ferroviaria e nel quartiere Pedagna.

L’iniziativa rientra sempre nell’ambito dell’accordo sulla sicurezza integrata stipulato già nel 2021 tra Regione e Prefettura, nonché della normativa nazionale sulla sicurezza urbana e di quella regionale che ha previsto, sulla base della riforma della polizia locale del 2018, l’introduzione della figura professionale degli street tutor. Solo nel 2022, l’accordo di programma tra Regione e Comune ha portato in città oltre 55mila dei 70mila euro previsti per la realizzazione del progetto. In quel pacchetto, oltre ai soldi per pagare gli street tutor, c’erano anche i contributi per l’aggiornamento e il rafforzamento del sistema di videosorveglianza comunale nel parco dell’Osservanza