Virtus, ancora un ko. Barattini non basta

La Virtus Imola perde il derby contro Faenza, nonostante un sussulto giallonero che ha portato a recuperare 9 punti. Alla fine, però, la tripla di Galassi e Petrucci e i punti di Poggi hanno portato Faenza a +15. Quarta sconfitta consecutiva per la V imolese.

Virtus, ancora un ko. Barattini non basta

Virtus, ancora un ko. Barattini non basta

NEUPHARMA

62

BLACKS FAENZA

77

NEUPHARMA : Magagnoli 8, Dalpozzo 3, Chiappelli 2, Barattini 13, Balciunas 12, Alberti, Aglio 2, Masciarelli, Morara 2, Morina 4, Ohenhen 16, Vannini. All. Regazzi.

BLACKS FAENZA: Papa 7. Naccari, Ballarini, Siberna 11, Santandrea, Pastore 10, Vico 9, Petrucci 4, Aromando 12, Galassi 12, Tomasini. All. Garelli.

Arbitri: Rezzoagli e Mammola.

Note: parziali 10-26; 28-42; 52-58. Tiri da due: Virtus Imola 1430; Black Faenza 1843. Tiri da tre: 833; 921. Tiri liberi: 1015; 1421. Rimbalzi: 38; 42.

Il derby contro il Faenza annerisce ancora di più il giallo della Virtus. Quarta sconfitta consecutiva. Si comincia su buoni ritmi, 6-4 con i punti ospiti segnati tutti da Poggi, Manfredi avanti con il cesto da 3 dell’ex Galassi (6-7). Regazzi passa a zona dopo che i punti da recuperare sono 11 (8-19). Gli uomini di Garelli però giocano bene e alla prima sirena ci sono 16 punti da recuperare. Per la V imolese il primo cesto da tre lo segna Barattini (13-28). C’è un sussulto giallonero, Aglio e compagni accorciano a-9 (20-29). Con 4’ all’intervallo lungo, la V imolese ne deve recuperare 13 (22-35). Faenza con i canestri di Galassi e Siberna vola a +20 (22-42). Al rientro dal mini break i gialloneri provano il tutto e per tutto, il volume del PalaRuggi sale e i punti da recuperare diventano solo 9. Con 6’40’’ da giocare Imola deve recuperare 10 lunghezze (36-46). La tripla di Balciunas e i liberi di Barattini avvicinano ancora gli imolesi (41-47). Imola si arrampica ancora con Barattini e le triple di Magagnoli (50-54); alla penultima sirena sei di distanza (52-58). Tre triple di Galassi, Petrucci e Poggi (52-67) e i punti da recuperare sono di nuovo oltre la doppia cifra.

Antonio Montefusco