Prende 176mila euro senza diritto: imprenditore nei guai

Civitanova, l’uomo è finito al centro dell’operazione della Guardia di finanza: ha ottenuto una ingente somma con garanzia pubblica, ma non ne i requisiti

Imprenditore denunciato dopo le indagini della Finanza

Imprenditore denunciato dopo le indagini della Finanza

Civitanova Marche, 1 settembre 2023 – Incassa indebitamente 176.000 euro di finanziamenti assistiti da garanzia pubblica e viene denunciato dalla Guardia di finanza un imprenditore, titolare di una ditta individuale operante nel settore dei trasporti su strada.

L’operazione è stata condotta dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Civitanova a tutela della spesa pubblica nazionale e l’accusa sollevata è indebita percezione di erogazioni pubbliche. I finanzieri, nell’ambito del monitoraggio delle imprese che hanno beneficiato di finanziamenti assistiti da garanzia pubblica, in seguito ad una attività ispettiva di natura fiscale, hanno condotto specifici approfondimenti sulla posizione di una ditta individuale operante nel settore dei trasporti su strada il cui titolare era stato già denunciato per il reato di occultamento delle scritture contabili, per le quali la legge dispone la conservazione obbligatoria.

Dall’attività di polizia giudiziaria, svolta per accertare il reale giro d’affari dell’impresa, la Guardia di finanza ha tratto elementi per contestare all’imprenditore la rappresentazione, nelle varie domande di accesso ai benefici richiesti, una situazione economica, finanziaria e patrimoniale totalmente differente rispetto a quella effettiva, al punto da trarre in inganno i tre istituti di credito destinatari delle richieste di finanziamento e ottenendo di conseguenza, senza alcun titolo, elargizioni assicurate da garanzia pubblica per un ammontare pari a 176.000 euro.

Alla luce del contesto emerso dalle indagini, il titolare della ditta è stato denunciato all’autorità giudiziaria maceratese per il reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche. L’operazione delle Fiamme gialle si inserisce nelle indagini condotte dal Corpo dei finanzieri a tutela del bilancio nazionale, finalizzata a contrastare l’illecita concessione delle risorse destinate agli investimenti.