Rinaldi, gara di spessore. Sanguinetti fatica a muro

Brehme parte bene, poi la gara si complica. Bruno ci mette grinta. e qualità .

Rinaldi, gara di spessore. Sanguinetti fatica a muro

Rinaldi, gara di spessore. Sanguinetti fatica a muro

BRUNO 6,5 (1 b.s) – Ci mette la qualità nel primo set e la grinta nel quarto. Due improvvidi scivoloni – una doppia nel punto a punto del terzo set e un “tamponamento” con Juantorena a inizio quarto – macchiano una partita complessivamente di qualità. Menzione speciale per la scelta radicale che compie nel secondo parziale, nato storto, decidendo di servire Sanguinetti a iosa per metterlo in partita.

SAPOZHKOV 6 (att. 62% su 16 con 1 err. e 4 muri sub., 3 b.s., 1 muro) – Macina gioco in attacco, seppure a sprazzi, e si fa sentire di quando in quando a muro. In battuta sa essere devastante, ma deve resistere alla tentazione di misurare la forza del colpo: uno così, in una squadra così, può tirare forte o fortissimo. Esce con la schiena che scricchiola: sarà importante recuperarlo per mercoledì.

DAVYSKIBA 6 (att. 67% su 15 con 2 err. e 2 muri sub., ric. 40% su 5 con 1 err., 2 b.s.) – In attacco le percentuali son sempre alte, ma manca ancora la velenosa battuta che Modena da avversaria ricorda bene. Opposto o martello? Per ora ha reso meglio fuori ruolo e non è detto che non diventi una soluzione tattica stabile.

JUANTORENA 6,5 (att. 55% su 20 con 2 muri sub., ric. 23% su 22 con 1 err., 3 b.s.) – Manca un po’ di energia, stavolta nella parte centrale, ma la sapienza pallavolistica è tutta lì da vedere. Mezzo voto in più perché in ricezione barcolla ma non molla, aspetto che ora come ora lo rende insostituibile.

RINALDI 7 (att. 52% su 21 con 3 muri sub., ric. 48% su 31 con 3 err., 1 ace, 2 b.s., 1 muro) – Torna ad essere l’uomo dei break, ma stavolta ci mette anche una prestazione di spessore in attacco. Chiude con 13 punti a tabellino (top scorer lato Modena) e la sensazione che le scorie estive stiano via via scomparendo.

SANGUINETTI 6 (att. 88% su 8, 3 b.s.) – Con una prova così in attacco verrebbe voglia di dargli un voto ben più alto. Però che fatica a muro… e al servizio stavolta non sfonda.

BREHME 6 (att. 38% su 8, 3 ace, 3 b.s., 2 muri) – Primo set da 8 secco con bacio accademico e abbraccio magistrale, poi la sua partita si aggroviglia – complici alcune soluzioni ardite tentate con Bruno.

GOLLINI 6 (ric. 31% su 16 con 2 err.) – Titolare per forza, incassa in ricezione nel secondo set ma poi s’aggiusta. Complessivamente non spiace per approccio, soprattutto quando si guadagna la fiducia dei compagni un bagher alla volta.

BONINFANTE sv (1 b.s.) – Prova a pungere dal servizio e una volta gli riesce.

All. PETRELLA 6 – Ci vorrebbe un sistema di vasi comunicanti per spandere sulla squadra la ferocia agonistica che dimostra in ogni interruzione di gioco, ma anche un lenitivo per ridare ossigeno al giovane coach in certi frustranti finali di set. Per il resto, scelte obbligate: stavolta Davyskiba subentra a Sapozhkov per un fastidio alla schiena che si somma alla distorsione di Federici, all’influenza di Stankovic e alla lungodegenza di Giulio Pinali.

SIR SUSA VIM PERUGIA: Giannelli 7, Ben Tara 7,5, Semeniuk 7, Plotnytskyi 8, Solé 7, Flavio 6, Colaci 6,5. Held, Herrera e Ropret sv. All. Lorenzetti 7,5.

Fabrizio Monari