Modena, travolto e ucciso al ritorno dal matrimonio. Soccorreva un’automobilista

L’incidente in tangenziale. La vittima è Giacomo Olivieri, 24 anni, di Casinalbo. Rientrava dalle nozze di due amici quando ha visto una vettura contro il guardrail

Le auto dopo l'incidente in tangenziale e la vittima, Giacomo Olivieri

Le auto dopo l'incidente in tangenziale e la vittima, Giacomo Olivieri

Modena, 3 giugno 2024 – Travolto da un’auto sulla tangenziale mentre prestava soccorso dopo un incidente. E’ morto così Giacomo Olivieri, di Formigine, comune in provincia di Modena. Avrebbe compiuto 25 anni a luglio.

La tragedia sabato notte, intorno alle 2, lungo la tangenziale che dal capoluogo porta a Sassuolo, all’altezza di Baggiovara. Il giovane stava tornando a casa dopo una giornata di festa trascorsa al matrimonio di una coppia di amici; una manciata di chilometri e avrebbe preso l’uscita verso casa, ma un’assurda catena di eventi ha sconvolto tutto spezzando sul colpo la vita del giovane.

Giacomo ha visto un’auto ferma contro il guardrail; l’automobilista, una giovane donna, aveva investito un istrice. Nel tentativo di evitare l’animale l’auto era finita prima contro il guardrail della corsia di sorpasso, poi aveva rimbalzato contro la barriera opposta. Giacomo ha agito d’istinto; ha accostato sulla destra per prestare soccorso: sul posto c’era già un’altra auto ferma con le quattro frecce. E’ sceso e si è assicurato che la donna stesse bene. Poteva finire tutto lì, Giacomo poteva risalire in macchina e arrivare a casa. Non è stato così; il senso civico unito ad una decisione azzardata ha cambiato le carte in tavola.

È stato un attimo: il giovane ha deciso insieme alla ragazza di spostare la carcassa dell’animale, dalla carreggiata, insieme a detriti e terriccio rappresentava un pericolo per la circolazione. Una decisione che gli è stata fatale. Si è avviato a piedi verso il centro della tangenziale. In quel tratto non c’è illuminazione e la velocità consentita è di 90 chilometri all’ora. In quel momento è sopraggiunta un’automobile; la ragazza al volante non ha visto in tempo il giovane in mezzo alla strada e l’ha travolto in pieno, facendolo sbalzare per alcuni metri.

Purtroppo all’arrivo del 118 con ambulanza e automedica per lui non c’era più nulla da fare, troppo gravi i traumi riportati nell’impatto. Illesa la conducente di 34 anni, che è stata sottoposta agli accertamenti da parte della polizia stradale; sarebbe risultata negativa all’alcoltest.

Giacomo Olivieri lavorava come corriere alla Bofrost, azienda specializzata in alimenti surgelati nel Reggiano, a Cavriago. Appassionato di basket e di cavalli, viveva a Casinalbo di Formigine con la madre. Lascia i genitori e due fratelli.