Pesaro, in casa 700 grammi di coca: arrestato ex commerciante

Sequestro consistente della Mobile: il 53enne, interrogato, ha collaborato. Resta in carcere. In crisi col Covid, aveva ceduto l’attività da due anni

L’operazione che ha portato al sequestro è stata fatta dalla Squadra Mobile di Pesaro, sezione Antidroga

L’operazione che ha portato al sequestro è stata fatta dalla Squadra Mobile di Pesaro, sezione Antidroga

Pesaro, 1 agosto 2023 – Nascondeva in casa 700 grammi di cocaina, corrispondente a un valore, in caso di vendita al dettaglio, di 70mila euro, calcolando che un grammo può arrivare a 100 euro.

S.B., 53 anni, pesarese, ex commerciante nel settore alimentare, attualmente nullafacente, residente in una casa della periferia pesarese, è stato arrestato venerdì scorso dagli agenti della Squadra Mobile di Pesaro, intorno alle ore 20. I poliziotti lo hanno fermato al casello autostradale mentre stava per immettersi nella corsia nord dell’A14.

Approfondisci:

Avevano in auto 3 etti di cocaina. Tutti arrestati Sono albanesi. Bloccati in un parcheggio

Avevano in auto 3 etti di cocaina. Tutti arrestati Sono albanesi. Bloccati in un parcheggio

E quando gli agenti lo hanno fermato, anche se in macchina non aveva droga, l’uomo ha evitato di fare resistenza. Non solo: appena i poliziotti gli hanno prospettato che a quel controllo sarebbe per forza di cose seguita una perquisizione nella sua casa, ha fatto capire che avrebbe collaborato. Anche perchè la polizia andava praticamente a colpo sicuro.

E ieri mattina, in un lungo interrogatorio in cui si decideva la convalida, il 53enne ha proseguito nelle sue ammissioni, davanti al gip Antonella Marrone e al pm, il sostituto Ernesto Napolillo. Il gip ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere.

Approfondisci:

Operazione antidroga a Bologna, la Polizia sequestra quasi 500 chili tra hashish e cocaina

Operazione antidroga a Bologna, la Polizia sequestra quasi 500 chili tra hashish e cocaina

Settecento grammi di cocaina è un sequestro consistente, come non se ne vedevano in città da un pezzo. La droga, suddivisa in ovuli e altro tipo di confezionamento, era all’interno di una stanza cui si accedeva tramite una porta in ferro, nascosta sotto dei vestiti: lo stesso imputato pare abbia dato indicazioni ai poliziotti su come trovarla, tanto che non è stato impiegato neanche il gruppo cinofilo. Tutta "roba" destinata al sempre florido mercato dei clienti di Pesaro e provincia. Nell’abitazione del 53enne trovata anche sostanza da taglio. E un quantitativo importante di soldi in contanti.

L’uomo aveva ceduto la sua attività commerciale da circa due anni, e forse si era ritrovato in difficoltà economiche. Pensando di risolvere il tutto, si era dato allo spaccio. Secondo gli inquirenti era uno che, come si dice nell’ambiente, "muoveva molto". Quei 700 grammi lo confermano. Anche se non viene descritto come un "delinquente incallito". Aveva un reato legato alla droga, ma vecchio di circa 20 anni. Dopo, si era rimesso in carreggiata. Poi ha deragliato di nuovo. Non sono trapelate le modalità di spaccio. Il suo legale, Manuela Iappelli, farà istanza per ottenere gli arresti domiciliari.