Marco Orazietti e Silvia Lucarelli. Lui, 31 anni, è ancora ricoverato
Marco Orazietti e Silvia Lucarelli. Lui, 31 anni, è ancora ricoverato

Pesaro, 14 giugno 2019 - C’è una macchia di sangue sul montante di sinistra della Mazda. Deve essere esaminata per capire a chi appartiene. La risposta sarà importante se non risolutiva per dire chi fosse alla guida della vettura che domenica scorsa ha invaso la corsia opposta nella tratto della Ss16 a Colombarone uccidendo due persone in viaggio su un’altra macchina e causando la morte di Silvia Lucarelli di 33 anni, giovane mamma di Pesaro (FOTO).

Nello scontro, è rimasto ferito in maniera grave Marco Orazietti, che viaggiava con la ragazza, e che ora è ricoverato in rianimazione a Pesaro in coma farmacologico. Oggi, benché sedato, verrà esaminato nel lettino d’ospedale dalla dottoressa Buscemi, incaricata dalla procura di dare una risposta sia con l’effettuazione dell’autopsia sul corpo della giovane deceduta sia con la verifica nel lettino d’ospedale delle ferite riportate da Orazietti. Il quale era stato ritenuto subito il conducente della vettura ma ora questa tesi non è più così granitica.

false

L’autopsia dovrà fornire delle risposte sul chi fosse alla guida, indicare se i traumi mortali riportati dalla ragazza possano essere compatibili con la guida della Mazda. Ed è il primo e unico mistero da risolvere. Perché manca ancora una testimonianza chiara che dica chi fosse al volante della Mazda. Si dovrà anche rifare il percorso per calcolare i tempi. Ci sono però molti indizi che fanno propendere per Marco Orazietti e altri elementi per Silvia Lucarelli, dunque riscontri contrastanti tra loro.

Anche i testimoni dicono alcune cose, come ad esempio di aver visto scendere il ragazzo dalla portiera di sinistra, ossia quella del conducente mentre altri pensano di averlo notato uscire dalla portiera posteriore di destra. E poi i video registrati da telecamere fisse: ce ne sono un paio agli atti dell’inchiesta che individuerebbero Silvia alla guida della vettura all’altezza di Cattabrighe, qualche minuto prima dello schianto che è avvenuto intorno alle 16, che si noterebbe perché avrebbe un vestito bianco. Eppure ci sono dei testimoni che indicano che Silvia avesse un vestito scuro al momento di andarsene dalla spiaggia lungo viale Trieste intorno alle 15.30.

Oggi i funerali di Roberto e Oriella

Si svolgeranno oggi pomeriggio alle 15.30 nella chiesa di Villa San Martino i funerali di Roberto Carosio e Oriella Bonerba, la coppia di sessantenni travolta e uccisa domenica scorsa dalla Mazda bianca di Marco Orazietti e Silvia Lucarelli che ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro la Fiat Seicento della coppia. La quale abitava nelle case popolari di via Dei Lavoratori, dove entrambi erano conosciuti per la loro mitezza. Oriella poi era molto nota negli uffici della procura dove lavorava da almeno dieci anni come addetta alle pulizie. 

ro.da.