Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 lug 2022
francesco pierucci
Cronaca
22 lug 2022

"L’anticiclone non molla". Un meteodramma

Piero Paolucci (Osservatorio Serpieri): "Le prossime previsioni, per almeno 10 - 15 giorni, non accennano a rovesci". E non finisce qui

22 lug 2022
francesco pierucci
Cronaca
Piero Paolucci, dell’antico Osservatorio Alessandro Serpieri dell’Università di Urbino
Piero Paolucci, dell’antico Osservatorio Alessandro Serpieri dell’Università di Urbino
Piero Paolucci, dell’antico Osservatorio Alessandro Serpieri dell’Università di Urbino
Piero Paolucci, dell’antico Osservatorio Alessandro Serpieri dell’Università di Urbino
Piero Paolucci, dell’antico Osservatorio Alessandro Serpieri dell’Università di Urbino
Piero Paolucci, dell’antico Osservatorio Alessandro Serpieri dell’Università di Urbino

di Francesco Pierucci

Non piove da quarantadue giorni. Quasi un mese e mezzo, praticamente mezza stagione, che Urbino e il suo territorio non vedono precipitazioni. Se continuerà così il rischio sarà di superare qualsiasi record negativo, almeno i più recenti. Ne abbiamo parlato con Piero Paolucci dell’antico Osservatorio Alessandro Serpieri dell’Università di Urbino che studia con strumenti di precisione il cambiamento climatico, raccogliendo dati da oltre 100 anni.

"L’ultimo giorno di pioggia del 2022 è stato il 10 di giugno. A luglio è caduto un millimetro di acqua che però si è diviso su due giornate e per considerare una giornata di pioggia almeno questa quantità deve riversarsi in 24 ore". Un periodo climatico difficile che vedrà le prossime giornate particolarmente calde e non ci sarebbero previsioni di piogge a breve termine. "La situazione è drammatica - prosegue Paolucci - anche perché le prossime previsioni, per almeno 10 - 15 giorni, non accennano a rovesci; l’anticiclone africano che sta imperversando da oltre un mese continuerà a far sentire la propria presenza. Infatti i modelli matematici prevedono che tra venerdì e sabato si toccherà il picco, con temperature anomale per il nostro territorio".

Già i primi giorni di luglio avevamo parlato della situazione meteorologica e siccità con i dati dell’Osservatorio Serpieri ma quel record, così caldo, è già stato superato.

"Il 27 giugno si sono registrati i 39.4 gradi, una vera eccezione per Urbino e per il mese di giugno, superando così l’estate di 20 anni fa che presentò temperature molto alte". Temperature più tropicali che mediterranee dovute, come dicevamo, anche alla mancanza di piogge che possono provocare un forte siccità. E questa situazione la si inizia a vedere nelle colline e nei terreni che circondano Urbino.

Una situazione ben visibile anche facendo una passeggiata in città e ammirando gli alberi: le prime foglie che iniziano ad arrotolarsi e a variare di colore, meno vivo e più spento. Facciamo un racconto temporale con dei confronti: "Rispetto al 2003, che ci ha portato questo nuovo clima, vediamo che oltre l’aumento delle temperature da un paio di anni c’è una vera e propria carenza di precipitazioni. Questo è un cambiamento climatico che potrebbe strutturarsi nei prossimi tempi. Cosa sta portando a questo? L’alta pressione. L’anticiclone africano è uno ma ad interessare è sopratutto quello delle Azzorre che va a creare uno scudo sull’oceano all’antico.

E quindi blocca il flusso delle perturbazioni diretto sulle nostre aree. I principali apporti delle piogge vengono da questi settori, in primavera e in autunno, ma se le precipitazioni non riescono ad attraversare questa area non arrivano direttamente nel bacino del Mediterraneo.

Speriamo che le cose cambino ma la visione futura non è molto rosea, almeno ad oggi secondo i dati. Poi tutto si può evolvere e lo abbiamo visto".

Rispetto al 2021 nello stesso periodo? "Siamo ancora in difficoltà. Anzi quest’anno è ancora peggiore dell’estate 2003 con il suo caldo anomalo. Speriamo che le cose cambino ma fino all’inizio di agosto non si vedono variazioni".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?