Vignola (MO) - Nel 2006 è stato designato vincitore nazionale del prestigioso Premio ‘L’Imprenditore dell’Anno’ che viene attribuito ai capitani di impresa che si sono distinti per talento, intraprendenza e impegno. L’anno dopo è stato insignito del ID People Award 2007 nella sezione ID Limelight, attribuito alle persone che più hanno attratto i media per le idee rivoluzionarie sulle possibili applicazioni nel campo dell’identificazione automatica. Roberto Tunioli (foto), presidente e ceo di Fervi, realtà che si rivolge alle industrie di tutto il mondo, piccole e grandi, per offrire macchine, utensili, attrezzi e ciò che è necessario per muovere le manifatture, racconta l’evoluzione dell’azienda, strettamente collegata alla sua ascesa di capitano d’impresa.

Come nasce Fervi e in che modo si è sviluppata sul mercato?

"Nasce nel 1978 con il nome Veprug, presentandosi sul mercato con un catalogo specifico nel mondo delle macchine utensili ed accessori. Una realtà importante della zona che nel tempo ha cercato di promuovere più il prodotto che il brand. Fervi era infatti uno dei marchi all’interno del catalogo".

Poi nel 2011 arriva la svolta. "Dopo 20 anni di successi alla guida di un’importante azienda internazionale, ho deciso di investire la mia liquidazione sull’attuale Fervi, con un obiettivo chiaro: dare un’impronta manageriale in grado far crescere l’azienda con una visione a medio e lungo termine. Questi dieci anni, oltre all’individuazione del nome e del colore Fervi, all’identificazione del mercato di riferimento Mro (Maintanance, repair and operation), sono stati forieri di successi sintetizzabili in alcuni numeri".

Quali?

"Abbiamo investito oltre il 50% degli utili in risorse umane; replicato le best practices nei processi cardini quali la logistica e l’internazionalizzazione; sviluppato il portfolio prodotti (da 2800 ad oltre 8500 referenze). Nel 2018 ci siamo quotati alla borsa di Milano per acquisire ulteriori risorse necessarie all’accelerazione della crescita anche per vie esterne. Tutto questo ha portato a triplicare il fatturato passando dai 10 ai 29 milioni attuali oltre ad acquisire al 100% due società (una in Italia e una in Germania) e in quota minima un distributore in Spagna".

Qual è la vostra gamma di prodotti e a chi sono destinati?

"Il nostro catalogo consta di oltre 8.500 articoli con 5 famiglie di prodotti. Sul nostro sito web ogni minuto vengono visitate circa 6 pagine per un totale di quasi 3 milioni di pagine viste".

È cambiato qualcosa nel vostro approccio con l’estero?

"I numeri parlano più di ogni altra cosa. Siamo passati dal 2% nel 2011 al 30% attuale come fatturato estero del Gruppo".