Francesco Vignali, ingegnere, titolare e amministratore unico della Testing Srl
Francesco Vignali, ingegnere, titolare e amministratore unico della Testing Srl

Un laboratorio conto-terzi specializzato nel settore Automotive. Questa la mission di Testing Srl, che ha sede a Medolla (Modena). Una realtà che si occupa di caratterizzazione materiali, invecchiamento dei materiali, prove di fatica e durabilità in particolare su prodotti in carbonio e verniciati, come spiega il titolare e amministratore unico, l’ingegner Francesco Vignali.

In cosa consiste la vostra attività?

"Si divide in due rami principali: il primo è aiutare i progettisti nello scegliere il materiale giusto, perché creiamo le biblioteche su cui si basano i loro calcoli. Il secondo è accelerare gli effetti del tempo per garantire le prestazioni sia meccaniche sia estetiche dei prodotti immessi sul mercato. Oggi siamo in grado di offrire ai clienti sia l’esecuzione di test standard derivati da norma, sia soluzioni tailor made strutturate su specifiche esigenze".

La storia di Testing è peculiare: come la definirebbe?

"Dovessi spiegarla in una parola, definirei Testing un ottimo Bildungsroman. Testing, come nei migliori romanzi di formazione, passa momenti iniziali di grandi difficoltà e ristrettezze economiche (siamo partiti in meno di 50 mq con un paio di strumenti), per poi evolversi e modificarsi diventando sempre più adulta, ma soprattutto assumendo maggiore consapevolezza di se stessa. Ad oggi siamo in due stabilimenti per un totale di 2.500 mq e il parco macchine contiene anche qualche unicità a livello europeo. Nella speranza che l’autore riservi un finale dickensiano alla nostra storia".

Vantate collaborazioni d’eccezione: qual è il vostro punto di forza?

"La competenza, la versatilità, la capacità di comprendere le necessità del cliente, e l’abilità di non prendersi troppo sul serio. Facciamo il nostro lavoro con dedizione e passione senza dogmi o posizioni di superiorità, mettendoci sempre in discussione. L’etica nel rapporto con il cliente è importante. Non offriamo attività non utili solo per finalizzare una vendita, ma preferiamo creare un rapporto di fiducia che maturi nel lungo periodo".

Quanto conta l’aggiornamento?

"È la base del nostro lavoro: quando vivi nel mondo dei laboratori non smetti di imparare e di studiare, di investire in nuovi macchinari, di conoscere le tecnologie più recenti, di fare corsi di formazione. Ogni prova ci racconta una parte della storia del campione che stiamo testando. Dobbiamo essere bravi ascoltatori ed ottimi storiografi per ricostruirla per intero".

Progetti futuri?

"Guardiamo con particolare interesse lo sviluppo delle auto elettriche, anche per gli investimenti annunciati sul nostro territorio. Anche quest’anno andremo ad investire una quota importante del fatturato per acquistare nuovi macchinari per i test, con l’obiettivo di potenziare le strutture per poter approfondire sempre di più le nostre conoscenze, aumentando così la capacità di dare risposte ai nostri clienti".