Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
24 mag 2021
lorenzo priviato
Cronaca
24 mag 2021

Campeggi a Ravenna: lotta agli abusivi, scattano i primi Daspo urbani

Nel weekend , a Marina di Ravenna e Lido di Dante, nove i provvedimenti di allontanamento per camper fermi nei parcheggi. Applicato il nuovo regolamento di polizia urbana contro i furbetti della vacanza

24 mag 2021
lorenzo priviato
Cronaca
Un momento dell’operazione della polizia locale di Ravenna con i camper di Marina di Ravenna
Un momento dell’operazione della polizia locale di Ravenna
Un momento dell’operazione della polizia locale di Ravenna con i camper di Marina di Ravenna
Un momento dell’operazione della polizia locale di Ravenna

Ravenna, 24 maggio 2021 - Avevano fermato i loro camper negli stall i sosta per le auto , stazionandovi tutta notte , dormendo e mangiando all’interno, consapevoli del fatto che il codice della strada glielo consente. Non però il nuovo regolamento di polizia urbana adottato dal Comune e che tra i provvedimenti varati all’unanimità ne ha introdotto uno specifico per contrastare il fenomeno dei campeggiatori abusivi , che riguarda nomadi ma anche comuni turisti che nei weekend prendono d’assalto i lidi, occupando parcheggi per intere giornate e attuando, secondo chi ha pensato la norma, una sorta di turismo parassitario contro il quale i residenti più volti si sono scagliati.

L'aggiornamento Ravenna, i camperisti multati: "Non siamo abusivi"

È il caso, ad esempio, di Marina di Ravenna e proprio da qui è partito il giro di vite della Polizia locale che nella sola giornata di sabato ha elevato sette contravvenzioni da 150 euro ad altrettanti camperisti accompagnate – e qui sta la vera novità – da provvedimenti di allontanamento da Ravenna per un minimo di 48 ore. L’anticamera di quello che, in caso di recidiva, il prefetto può trasformare in un Daspo urban o della durata di diversi mesi. I camperisti sono stati multati in particolare nella zona di piazzale della Marina e via delle Nazioni, dove il fenomeno del campeggio abusivo è particolarmente contestato dai residenti, poiché fautori di vacanze mordi e fuggi, che spesso mangiano al sacco e dal punto di vista economico alla città portano poco o nulla. Altre due sanzioni analoghe sono scattate a Lido di Dante .



Perché vi sia attività di campeggio, anche fuori delle aree attrezzate, il codice della strada prevede che il mezzo appoggi i piedini di stazionamento, scarichi fluidi e aumenti il volume della propria sagoma con pertinenze . Proprio l’assenza di queste tre situazioni, o la mancanza di cartellonistica che li informasse del divieto, è stata presa a giustificazione dai campeggiatori di strada per ritenersi in regola. Ma il regolamento di polizia urbana è andato oltre, individuando tre zone a tutela rafforzata – centro, i nove lidi e area di Sant’Apollinare in Classe – in cui sono previsti "d ivieto di stazionamento o di occupazione di spazi" come appunto i piazzali di parcheggio, e inoltre mutuando dal Decreto Minniti la misura del Daspo urbano in caso di reiterazione delle condotte.
La norma , all’articolo 15 comma 4, recita: "Al di fuori degli spazi appositamente individuata, è inoltre vietata qualsiasi attività assimilabile al campeggio, vale a dire occupazione di spazi ed aree pubbliche e sottrazione, pertanto, dal libero uso della comunità, effettuata tramite parcheggio e stazionamento prolungato di veicoli adibiti a dimora occasionale, posizionamento in loro prossimità di sedie e tavoli, utensili per il bucato e simili". Tra i multati vi è infatti anche un nucleo di nomadi. Ma anche per i furbetti del campeggio, a Ravenna, sembra finita l’epoca della vacanza a scrocco o quasi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?