Carcassa di lupo nei campi: ipotesi avvelenamento

Nei terreni di Sant’Antonio. Non ha segni evidenti sul corpo né può essere stato investito. Gli esami necroscopici potranno chiarire le cause della morte dell’animale

Il lupo senza vita rinvenuto nelle campagne di Sant’Antonio (foto Zani)

Il lupo senza vita rinvenuto nelle campagne di Sant’Antonio (foto Zani)

Ravenna, 4 aprile 2024 – La carcassa di un giovane lupo è stata recuperata martedì sera nelle campagne di Sant’Antonio dai carabinieri forestali. Sul posto sono intervenuti anche i volontari dell’associazione ’Amici degli Animali’. Per capire le ragioni del decesso dell’animale, occorrerà attendere il responso dell’istituto zooprofilattico al quale sono stati consegnati i resti per l’esame necroscopico. Fino al quel momento, sarà possibile solo formulare mere ipotesi sulla base degli elementi macroscopici sin qui a disposizione, a partire dal luogo del rinvenimento: ovvero una carraia erbosa - cioè poco battuta - tra i campi. Fermo restando che l’ipotesi che il lupo possa essere stato falciato da un mezzo agricolo è davvero al lumicino visto la rumorosità e la lentezza di quest’ultimo, la zona porta a escludere che il decesso sia avvenuto a causa di investimenti accidentali di auto o di altri mezzi stradali.

A prima vista inoltre il corpo si presentava sano e ben formato: sono cioè tendenzialmente da escludere malformazioni congenite (non cardiache) o malattie progressivamente debilitanti che come tali abbiano ad esempio impedito al lupo di cibarsi. Inoltre l’assenza di lesioni evidenti come fori di pallini, morsi di cani di grossa taglia, lame o ancora segni inferti da corpi contundenti come bastoni o attrezzi agricoli, fa pensare che il lupo non sia stato attaccato da uomo o animale né sia finito dentro a trappole per poi riuscire a liberarsi e vagare fino alla morte. Per esclusione, resta lo scenario di un avvelenamento, volontario o accidentale che sia: in questo caso, saranno gli esami tossicologici a delinearlo o depennarlo definitivamente.

Qualche settimana fa un’altra carcassa di lupo era stata recuperata a Lido Adriano, sempre con intervento delle forze dell’ordine e dell’associazione ’Amici degli Animali’.