Occhio ai gabbiani, ecco come difendersi: il vademecum del Comune

Rimini, multe fino a 150 euro per chi dà cibo ai volatili. Il falconiere: "Da anni li scaccio dalle Befane con i miei rapaci"

Sono i volontari del Cras di Rimini a occuparsi dei gabbiani feriti

Sono i volontari del Cras di Rimini a occuparsi dei gabbiani feriti

Rimini, 1 aprile 2024 – Come difendersi dai gabbiani, prima che sia troppo tardi. Arriva il vademecum del Comune. In vista della stagione di nidificazione dei gabbiani reali, che va da aprile a luglio, da Palazzo Garampi ecco la ricetta per evitare che i volatili facciano il nido sulla propria abitazione causando "problemi di convivenza, come l’imbrattamento di edifici e tetti, disturbo e rumore, anche di notte", e "comportamenti ostili".

Dal Comune esagerano? Provate a chiedere a chi si è ritrovato un nido di gabbiani sul tetto. Possono essere molto aggressivi, specie per difendere la prole, e arrivare a compiere "azioni di disturbo con picchiate, tentativi di colpi con le zampe e lancio di feci", ricorda il Comune.

Approfondisci:

Animali maltrattati, boom di casi: "Cento segnalazioni in sei mesi"

Animali maltrattati, boom di casi: "Cento segnalazioni in sei mesi"

Non è un caso che, negli ultimi anni, si siano moltiplicati a Rimini gli episodi di persone che sparano ai gabbiani. Che sono animali protetti. E’ vietato fare loro del male, così come distruggere intenzionalmente i loro nidi, quando le uova sono già depositate. E allora "l’unico modo per evitare la loro presenza è compiere una serie di azioni preventive di dissuasione incruenta", da attuare "prima che i gabbiani abbiano costruito il loro nido".

In che modo? Prima di tutto, limitando l’accesso agli eventuali luoghi di nidificazione "stendendo reti anti-intrusione in plastica o metallo, o comunque un sistema formato da fili tesi", o ancora "installando dei dissuasori d’appoggio sulle superfici lineari". Ma esistono anche deterrenti acustici e ottici, "come nastri colorati, bandiere riflettenti, effige di rapaci...". I gabbiani temono i rapaci. E più volte, negli ultimi anni, alcune attività sono state costrette a chiamare i falconieri per scacciarli.

Lo sa bene Guglielmo Ventimiglia di Monteforte, uno tra i più abili falconieri in Italia, che ha lavorato per tanti anni al parco Oltremare. Questo è proprio il periodo in cui viene chiamato dai privati che hanno problemi con i gabbiani. "Già da diversi anni – conferma il falconiere – mi occupo di allontanare i gabbiani con i miei falchi al centro commerciale Le Befane, dove c’è anche un problema con i piccioni. Ma sono intervenuto anche per altri casi a Rimini...". Per contrastare la presenza dei gabbiani, è fondamentale poi evitare di lasciare incustoditi o disperdere i resti del cibo. Chi dà da mangiare a gabbiani e piccioni rischia una multa fino a 150 euro. Chi invece trova pulli di gabbiani in strada o nei giardini deve chiamare il Cras, il Centro recupero animali selvatici di Rimini, al numero 338.7204689.