Inverno demografico, il convegno: “Si ha paura di mettere al mondo figli”

Al Comune di Camerano ‘Parliamo di natalità: il calo delle nascite’ organizzato in sinergia con l’Ordine degli Psicologi delle Marche

I relatori del convegno ‘Parliamo di natalità: il calo delle nascite’ al Comune di Camerano

I relatori del convegno ‘Parliamo di natalità: il calo delle nascite’ al Comune di Camerano

Camerano (Ancona), 22 novembre 2023 – Migliorano le condizioni di vita della popolazione, ma diminuiscono le nascite. È il fenomeno, inversamente proporzionale, registrato in maniera crescente non solo in Italia, ma nella maggior parte dei paesi occidentali. Aspetti culturali, sociali ed economici alla base di un trend negativo centrale anche nell’agenda dell’attuale Governo. Se ne è parlato nella sala del Consiglio del Comune di Camerano all’interno del convegno ‘Parliamo di natalità: il calo delle nascite’ organizzato dallo stesso ente in sinergia con l’Ordine degli Psicologi delle Marche e sulla scia del Protocollo siglato dal Cnop, Consiglio nazionale Ordine Psicologi, e dall’Anci.

“Il nostro Ordine si sta impegnando con i comuni – commenta Katia Marilungo, presidente dell’Ordine degli Psicologi delle Marche – per la promozione del benessere e per avvicinare la cittadinanza a quei temi che la riguardano. La denatalità è una tematica che riguarda in primis le famiglie e le coppie. La scelta di non avere figli risponde spesso al forte senso di precarietà economica e sociale che stiamo vivendo: si ha paura di metterli al mondo. Poi c’è il delicato tema di chi non riesce ad averli: una problematica che vive un aspetto molto più intimo e che necessita di un focus psicologico più incisivo”.

Al convegno sono poi intervenuti Franco De Felice, Professore dell’Università di Urbino e Presidente del Forum Regionale delle Famiglie, la psicologa e psicoterapeuta Federica Guercio e Ilaria Dottori, assistente sociale del Comune di Camerano. Una pluralità di voci e approcci, che hanno dialogato con il mondo della politica. Una sinergia di intenti, quella che andrebbe costruita tra famiglie, esperti ed enti, per intervenire su questo delicato e allarmante fenomeno. “Si tratta del primo evento che ospitiamo – commenta l’assessore ai Servizi Sociali e alle Politiche giovanili Chiara Sordoni – sulla scia di questo importante protocollo siglato tra psicologi e comuni. Il problema della denatalità sta molto a cuore alla nostra amministrazione, ecco perché abbiamo invitato psicoterapeuti e assistenti sociali. Si tratta di un tema trasversale – aggiunge – che ha plurime cause e molteplici motivazioni alla base. La politica può e deve intervenire, ma non da sola. Questo è il motivo di questo convegno”. Un gruppo di lavoro che si è riunito in un comune virtuoso in tema di incentivi alla natalità. Il sindaco Oriano Mercante ha infatti ricordato che la sua amministrazione prevede un piano per lo smart working, al fine di agevolare le famiglie, e che proprio in questi giorni sono iniziati i lavori di costruzione del nuovo asilo, finanziato con 1,4 milioni di euro del Pnrr.