Beffa di Natale per i dipendenti dell’ospedale di Torrette: niente buoni pasto per due mesi

Si tratta dei lavoratori che sono nella struttura distaccata di via Caduti del Lavoro ad Ancona. Colpo di un calcolo sbagliato sul plafond complessivo dell’annualità 2023: oltre cento le persone coinvolte

Ancona, 5 dicembre 2023 – Natale con beffa per i dipendenti dell’area amministrativa dell’azienda ospedaliera di Torrette: per una serie di concause la copertura economica prevista sul fronte dei buoni pasto per i lavoratori che prestano servizio delocalizzati alla Baraccola non è arrivata a fine anno, lasciando fuori gli ultimi due mesi. Sono un centinaio i dipendenti a cui, al momento, non verranno garantiti i buoni pasto da circa 7 euro l’uno a causa forse di un calcolo sbagliato sul plafond complessivo dell’annualità 2023; dipendenti che prestano servizio non all’interno dell’area ospedaliera di Torrette, dove c’è da sempre attivo un servizio mensa, ma nella struttura distaccata di via Caduti del Lavoro, ossia tra Brecce Bianche e la Baraccola.

I buoni pasto non arrivano a fine anno
I buoni pasto non arrivano a fine anno

Per coprire la mancanza del servizio in occasione delle giornate di rientro l’azienda aveva giustamente previsto il sistema sostitutivo dei buoni che però hanno potuto coprire i primi dieci mesi, ma non gli ultimi due. La sezione competente dell’azienda ospedaliera getta acqua sul fuoco e garantisce che il disagio verrà successivamente coperto: "Per i buoni pasto di competenza ottobre 2023 – si legge in una nota aziendale diffusa ai dipendenti stessi, alcuni dei quali hanno contattato la nostra redazione – la società competente ha trasmesso il quantitativo complessivo dei buoni pasto da accreditare per tutti gli aventi diritto. Tale quantitativo è però superiore alla disponibilità residua del plafond complessivo sull’ordinativo di fornitura Consip. Al momento, dunque, non è possibile implementare il plafond mediante nuovo ordine in quanto, alla data odierna, l’Accordo Quadro ‘Buoni pasto 9’ risulta esaurito e il lotto di competenza per la Regione Marche sul nuovo Accordo Quadro Consip ‘Buoni pasto 10’ non è stato ancora attivato, cosa che potrebbe accadere entro il mese di dicembre. È stata quindi disposta una riduzione proporzionale di buoni pasto di competenza ottobre 2023 per ciascun dipendente, riduzione che sarà recuperata a conguaglio quando avremo disponibile il nuovo accordo quadro Consip. Quindi ciascun dipendente avrà un numero inferiore di buoni pasto rispetto a quanto detratto sullo stipendio del mese di novembre 2023, la differenza rispetto a quanto dovuto sarà recuperata a conguaglio quando avremo disponibile il nuovo accordo quadro Consip".

Sulla vicenda resta vigile il faro del sindacato: "Un’altra vicenda emblematica di come funzionino le cose all’interno dell’azienda. Sorprende, soprattutto, che questo disagio sia stato comunicato ai dipendenti senza che noi ne sapessimo nulla" attacca Raffaele Miscio, responsabile sanità Ancona della Fp-Cisl.