Un medico la prima truffata dalla broker

Una ex promotrice finanziaria osimana di 48 anni è indagata per abusivismo finanziario, autoriciclaggio e truffa a danno di oltre 30 persone. L'indagine della Finanza ha portato alla luce una truffa finanziaria a "schema Ponzi" da oltre 4 milioni di euro.

La prima denuncia è stata sporta ai finanzieri da una dottoressa di Osimo. Il dubbio di aver perso i risparmi di una vita era forte. Alla ex promotrice finanziaria radiata dall’albo, osimana di 48anni, finita nel mirino della Finanza, in più di 30 avevano affidato i risparmi di una vita per comprare immobili o per investirli nel progetto dei sogni dei propri figli. Ha sottratto in tutto oltre quattro milioni di euro. Di lei si fidavano, la conoscevano da sempre, fino a che si sono accorti che qualcosa non quadrava. Tra loro c’è anche un parroco, che aveva ereditato oltre un milione e mezzo di euro di eredità da una zia scomparsa, diversi pensionati, commercianti e dipendenti pubblici che pensavano al futuro del proprio figlio magari. Con la broker la Finanza ha avuto gli ultimi contatti la scorsa settimana. La donna non aveva mai fatto percepire nulla di strano anzi, li rassicurava con le sue grandi doti persuasive anche in chat dove chiedeva scusa alla fine e mostrava le carte (poi risultate false) e condivideva la sua vita sui social come un libro aperto. Eppure il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ancona ha concluso in questi giorni l’indagine coordinata dalla Procura nei suoi confronti. Adesso è indagata per abusivismo finanziario, autoriciclaggio e truffa a danno di tutte quelle persone per lo più residenti ad Osimo. Le indagini finanziarie e l’attenta analisi della moltitudine di dati informatici e documentazione cartacea sequestrata ha portato alla luce la truffa finanziaria a "schema Ponzi".