24Bottles® "Il nostro sogno in bottiglia"

Premio Mascagni Bologna, due bancari creano azienda di borracce ecologiche e di design che esporta in 65 Paesi

Giovanni Randazzo e Matteo Melotti, fondatori del brand 24Bottles®

Giovanni Randazzo e Matteo Melotti, fondatori del brand 24Bottles® che oggi ha partner del calibro di. Lamborghini, Dior, Fendi

Metti che un ravennate e un bolognese estrosi quanto sensibili alle tematiche ambientali, bancari di mestiere, non avendo in ufficio una colonnina dell’acqua debbano arrivare, per dissetarsi, fino al bar più vicino. E lì acquistare – come racconta Giovanni Randazzo, co-fondatore, assieme a Matteo Melotti, di un brand riuscito nell’impresa di unire stile ed ecologia – bottigliette di plastica costose e inquinanti. È tutta qui, tra bisogni quotidiani e temi globali, la ragione della nascita di 24Bottles®.

Era il 2013 quando l’idea di cambiare vita ha preso corpo. Poi che cosa è successo?

"Ci siamo licenziati dall’istituto in cui lavoravamo, che ora, peraltro, è nostro cliente, e abbiamo fondato un’azienda che disegna e produce borracce sostenibili, realizzate con materiali certificati e dal design unico. Perché anche l’aspetto di un oggetto può aiutare le persone a cambiare le cose in meglio, rendendo più appetibile quello che, in origine, è un incentivo per un mondo plastic-free".

Quindi, i vostri prodotti sanno essere eleganti, ma riescono pure a essere funzionali?

"Puntare sul gusto non significa per forza anteporre l’aspetto all’utilità. E, infatti, il design tutto italiano delle nostre creazioni, con le macchine e le procedure di registrazione costose di cui hanno bisogno, non impedisce che queste presentino un rapporto pesodimensione ottimale. E neppure che l’acciaio inossidabile 188 di cui sono fatte sia testato tanto nelle sue origini quanto nella sua qualità finale".

Poi, c’è il capitolo ecologia. Che non si limita alle premesse, ma investe anche la produzione.

"Essere ecologici, in un modo e nell’altro, è la nostra vera mission. Per questo, dal momento che la neutralità carbonica non è più un’opzione ma una necessità, ci assicuriamo di piantumare alberi che rigenerino esattamente la stessa quantità di Co2 che immettiamo nell’aria con le nostre lavorazioni".

Forse è anche per questo che siete stati scelti come partner da tanti soggetti di prestigio.

"Siamo cresciuti costantemente, fin dal principio, e stiamo crescendo ancora. Uno dei mondi che più ci ha premiato è quello della moda, attivo come noi tra ciò che è sostenibile e ciò che è bello, con brand come Dior, Fendi, Emilio Pucci e Vivienne Westwood. Poi, un’altra partnership importante è stata quella, più casalinga, con l’automotive di Automobili Lamborghini".

Il futuro, invece, dove vi porterà?

"Siamo leader italiani e leader europei di settore, dopo essere partiti da zero, e adesso, con 65 Paesi già serviti, manca solo il mondo. Lo stesso mondo che, tutti insieme, dobbiamo rendere migliore".