MONICA PIERACCINI
MONICA PIERACCINI
Archive

Tredicesima 2022 in arrivo: salgono gli importi, ma anche le spese per le famiglie

Ecco quando saranno pagate le tredicesime e come sono tassate

In arrivo 46,9 miliardi di euro in tredicesime, di cui 11,4 verranno 'assorbiti' dal fisco. La stima è dell'ufficio studi della Cgia di Mestre, che indica il numero degli italiani interessati: 33,9 milioni, di cui 17,8 milioni di lavoratori dipendenti e 16,1 milioni di pensionati. Gli importi delle tredicesime saranno più alti del 2021 per lo sgravio contributivo del 2%, previsto dal decreto Aiuti Bis, che interessa tredicesime e stipendi fino a 2.692 euro lordi per il periodo luglio-dicembre 2022, e l'anticipo della rivalutazione degli assegni pensionistici fino a 35mila euro per il trimestre ottobre-dicembre (e tredicesima). Ma l'inflazione corre, le spese per famiglie e pensionati sono aumentate quest'anno e dunque gli effetti degli aumenti, di fatto, si annulleranno. Secondo l'osservatorio nazionale di Federconsumatori, nell'arco del 2022 le famiglie pagheranno 3.600 euro in più rispetto al 2021. Ecco quando saranno pagate le tredicesime e a quanto ammontano gli aumenti per pensionati e dipendenti.

Leggi anche: Tredicesima 2022, come si calcola e come viene tassata

La ricetta Cisl: "Meno tasse sul lavoro e controllo dei prezzi. Così alziamo i redditi"

Cgia: arrivano 36mld tredicesime
Cgia: arrivano 36mld tredicesime

Quando arriva la tredicesima

Nel caso dei pensionati le tredicesime vengono pagate lo stesso giorno dell'assegno pensionistico, quindi sono state già saldate dall'Inps. I lavoratori dipendenti pubblici e privati possono invece riceverla anche dopo lo stipendio, ma sempre entro la vigilia di Natale. Per quanto riguarda gli statali, generalmente il 14 dicembre ricevono la tredicesima le insegnanti delle scuole materne ed elementari, il 16 dicembre gran parte di tutti gli altri dipendenti pubblici.

Come si calcola la tredicesima

La tredicesima viene calcolata moltiplicando la retribuzione lorda mensile per il numero dei mesi lavorati nell'anno e diviso 12. Un mese s'intende lavorato con almeno 15 giorni di lavoro. Vengono poi tolte le ritenute fiscali e previdenziali. Solitamente la tredicesima è un importo leggermente inferiore allo stipendio o alla pensione perché non si applicano bonus né altre agevolazioni fiscali, quali le detrazioni sui redditi da lavoro dipendente e per familiari a carico.

Tredicesime più alte per i dipendenti

L'esonero contributivo del 2% per retribuzioni inferiori a 2.692 euro lorde, si applica anche alla tredicesima. Quindi, per fare qualche esempio, su una tredicesima di 1.000 euro l'incremento sarà di 20 euro, su 2.000 euro sarà di 40, mentre l'aumento massimo – su un importo da 2.692 euro – sarà di poco meno di 54 euro lordi.

Gli aumenti della tredicesima per i pensionati

La tredicesima aumenterà di 2 euro per chi prende un assegno pensionistico pari al minimo, circa 500 euro, di 3,5 euro per una pensione di 1.000, 7,5 euro per una pensione di 2.000 euro e 8,75 euro se si percepisce circa 2.500 euro di pensione. Questo perché la rivalutazione del 2% incide solo per gli ultimi tre mesi, da ottobre a dicembre, secondo quanto previsto dal decreto Aiuti bis, e non su tutto l'anno.