Blondance, a Bologna la mostra fotografica con l’intelligenza artificiale

Una curatela sull’emancipazione femminile del gallerista Hossein Farmani: “L’IA non congela i momenti perfetti come può fare l'otturatore di una macchina fotografica; avrà la capacità di creare esperienze nel modo in cui gli esseri umani non sono stati in grado di fare”

‘Blondance’ la mostra fotografica sull'emancipazione femminile al Circolo tennis dei Giardini Margherita
‘Blondance’ la mostra fotografica sull'emancipazione femminile al Circolo tennis dei Giardini Margherita

Bologna, 1 febbraio 2024 – ‘Blondance’ è la mostra fotografica che vuole indagare l’emancipazione femminile negli ultimi decenni. Lo fa attraverso immagini di intelligenza artificiale generate con parole e fonti d’archivio. La curatela è di Hossein Farmani, gallerista, filantropo e presidente dei Lucie Awards di New York City, Focus on Aids Foundation e Farmani Gallery, e di Dalia Serenari, come co-curatrice. La mostra è allestita al primo piano del Circolo tennis Bologna (giardini Margherita, viale Cristiani 2).

Hossein Farmani, in che modo l'intelligenza artificiale sta cambiando il mondo dell'arte?

“Penso che stia permettendo nuove forme di espressione creativa, come l'arte generata dall'intelligenza artificiale, le installazioni interattive e le esperienze virtuali. L’Ai sta influenzando la curatela artistica, l'analisi e persino le tendenze del mercato attraverso i dati. Ha cambiato il significato di ‘un'immagine vale più di mille parole’: poche parole degne di nota possono creare fotografie straordinarie. La maggior parte dei fotografi, inoltre, può utilizzare l'intelligenza artificiale per creare nuove immagini utilizzando il proprio archivio di fotografie scattate. Questo permette loro di creare e commercializzare nuove immagini”.

Come può l'intelligenza artificiale fermare il momento perfetto?

“L'intelligenza artificiale non congela i momenti perfetti come può fare l'otturatore di una macchina fotografica; piuttosto, avrà la capacità di creare esperienze o riconoscere i momenti nel modo in cui gli esseri umani non sono stati in grado di fare. Un'incredibile realtà alternativa ultra-realistica”.

Scattiamo continuamente foto con i nostri strumenti digitali. Cosa ne pensa?

“La fotografia è diventata una forma di comunicazione, una sorta di lingua internazionale. Sono costantemente sfidato dall'inquinamento fotografico. Chiedo ai fotografi di fermarsi a pensare come facevamo quando scattavamo fotografie a pellicola. È diventato più difficile trovare immagini stimolanti tra milioni di immagini indesiderate”.

Non è la prima volta che lavora a Bologna. Qual è il suo rapporto con la città?

“Bologna ha una ricca storia di arte e cultura, l'architettura medievale e la vivace scena culturale. Le fiere d'arte e le numerose gallerie e spazi dedicati alla fotografia mi hanno attratto. Inoltre è casa della mia figlioccia, Dalia Serenari”.

C'è un'immagine di ‘Blondance’ a cui è più affezionato?

“Come collezionista e curatore sono sempre attratto dalle immagini in bianco e nero. La mia collezione, che conta oltre 30mila immagini, è incentrata principalmente sul ritratto. Quindi è un ritratto in bianco e nero nell'immagine e il fatto che l’intelligenza artificiale sia stata in grado di aggiungere un'emozione in più all'immagine dandole parole precise ha fatto sì che questa immagine si imponesse per me”.

Perché la mostra ‘Blondance’ è stata rappresentata proprio a Bologna?

“È una collaborazione con la giovane curatrice Dalia Serenari, che vive a Bologna. Sono venuto spesso in questa città negli ultimi 15 anni e il fatto di avere accesso a un'ottima sede del club per lo spazio espositivo lo rendeva un luogo perfetto. L'idea e la passione per l'esposizione di ‘Blondance’ è nata dal professor Sandro Serenari”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro