GIACOMO LIPPI
Cosa Fare

Slow wine Fear, a Bologna la terza edizione: ecco il programma

Da domenica 25 a martedì 27 febbraio, andrà in scena la rassegna dedicata al settore vinicolo, con degustazioni, incontri e convegni dedicati

Slow Wine Fear vi aspetta a Bologna Fiere dal 25 al 27 febbraio 2024

Slow Wine Fear vi aspetta a Bologna Fiere dal 25 al 27 febbraio 2024

Bologna, 16 febbraio 2024 - La terza edizione dello "Slow Wine Fair" è alle porte. BolognaFiere si prepara ad ospitare la tre giorni dedicata al vino di qualità, dove saranno possibili masterclass e degustazioni e si potrà assistere a convegni, presentazioni e incontri tenuti da esperti del settore.

Cosa propone l'evento

Da domenica 25 a martedì 27 febbraio va in scena a BolognaFiere la terza edizione di "Slow Wine Fair", la rassegna dedicata agli amanti del vino e tutto ciò che lo riguarda. L'evento, curato da varie associazioni, è diviso in diversi blocchi in cui, oltre alla degustazione di centinaia di prodotti, si trattano differenti argomenti relativi al settore vinicolo e tutti gli aspetti inerenti ad esso.

Il padiglione 15, ad esempio, è pronto ad ospitare lo Spazio Reale Mutua, uno dei main partner di "Slow Wine Fair" che proprio nei giorni dell'evento varie conferenze aperte al pubblico in cui si parlerà della sostenibilità in campo vinicolo. Si discuterà soprattutto su temi delicati come la viticoltura biologica e la agroecologia, in un'epoca dove vanno prese decisioni adeguate per contrastare i cambiamenti climatici. Proprio in questa sede, nella mattina di lunedì 26 febbraio, va in scena la cerimonia del Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow, dove ben 32 premi saranno consegnati ad attività che possiedono una carta dei vini territoriale o a tema.

Rappresentanti della Demeter Arena vi aspettano invece nel padiglione 20, dove produttrici e produttori vinicoli appartenenti alla "Slow Wine Coalition" parleranno delle loro esperienze intorno al mondo. L'obiettivo comune per tutti gli esperti è quello di promuovere l'artigianalità e la sostenibilità ambientale e sociale, attraverso discorsi incentrati sulle modalità di produzione e salvaguardia dei vitigni in diverse zone del mondo. Partecipano all'appuntamento anche Adrian Zago, fondatore del primo master internazionale in biodinamica per il vino (Cambium, ndr), e Lydia e Claude Bourguignon, microbiologi esperti nella cura di terreni.

Spazio alla letteratura, invece, nel padiglione 15a. Gli eventi di Casa Slow Food, dedicati a storie e raccolte legate al mondo vitivinicolo, aprono le danze domenica 25 febbraio alle 13 con "Intrepide" di Laura Donadoni, raccolta letteraria pubblicata da Slow Food Editore che tratta il ruolo della donna nel mondo del vino. L'opera permette, attraverso le esperienze delle protagoniste, una riflessione sulla discriminazione di genere e sulla necessità di un sistema maggiormente inclusivo. Torna anche Adriano Zago, il 25 febbraio alle 17, ma questa volta per presentare il "Manuale di viticoltura biodinamica" in cui vengono raccolte esperienze e suggerimenti di aziende viticole italiane e non. Il giorno seguente, sabato 26 febbraio alle ore 15, sarà il turno di Massimo Montanari e il suo libro "Amaro. Un gusto italiano", una profonda riflessione sulla cultura vinicola italiana.

Orari e biglietti

La fiera è attiva dalle 12 alle 19 di domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 18 di lunedì 26 e dalle 10 alle 16 di martedì 27.

Il primo giorno è concentrato soprattutto sulla possibilità di acquistare articoli, degustare prodotti e seguire convegni e incontri. Lunedì 26 e martedì 27 saranno dedicati ai professionisti del settore, che potranno assaggiare selezioni delle migliori cantine italiane per un’esperienza più sofisticata.

I biglietti sono acquistabili sul sito dell'evento, o fisicamente nei giorni stessi della rassegna, e sono previste offerte e promozioni. Il singolo ingresso per domenica 25 costa 39 euro, mentre sono presenti pacchetti promozionali di 20 euro per un giorno a scelta, 30 euro per due giorni a scelta e 40 euro per tutti e tre. Per soci Slow Food, Fisar e studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche il costo di domenica 25 scende a 29 euro, mentre per cuoche e cuochi delle Osterie d’Italia e dell’Alleanza Slow Food è previsto un giorno a scelta al costo di 15 euro.

L'evento è concesso esclusivamente ai maggiorenni e, grazie a una partnership con Trenitalia, permette di acquistare un biglietto del treno con un scontro del 30%. Per le varie info, consultare il sito web. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro