Elisabetta Franchi e la multa al cane scappato: “Un paradosso”

Milano Marittima: l’animale è stato recuperato al canile, ma intanto a casa dell’imprenditrice è arrivata la sanzione del Comune di Cervia: “Come è possibile?”

Elisabetta Franchi, la multa ricevuta e il cane Giovannino

Elisabetta Franchi, la multa ricevuta e il cane Giovannino

Bologna, 17 agosto 2023 – Il cane scappa dal giardino della casa delle vacanze e la polizia municipale la multa perché l’animale era senza collare e museruola. E’ la vicenda accaduta alla l'imprenditrice bolognese della moda e animalista, Elisabetta Franchi che lei stessa racconta sul suo profilo Instagram, seguito da 3,1 milioni di follower.

Leggi anche: Multato per il cane sulla spiaggia libera / Il primo nido di tartarughe in Romagna – Azzannata da un rottweiler a Rimini

Un “paradosso”, una cosa che ha “veramente dell'inverosimile”, tuona Franchi. La storia ha per protagonista Giovannino , “l'ultimo cane che ho adottato, randagio da Palermo venti giorni fa” e la polizia locale di Cervia-Milano Marittima.

“Al mare - racconta Franchi sui social - abbiamo la classica casa con il giardino” da cui il cagnolino "è scappato". Ritrovato, è stato portato "al Canile. Che a sera era già chiuso e da cui ci hanno detto di andarlo a prendere la mattina". Recuperato il cane, spiega in una altro passaggio, "mi è arrivata una multa dalla Polizia Municipale di Milano Marittima perché Giovannino era sprovvisto di collare e museruola. Ma la Polizia Municipale - chiede Franchi - parla con il canile che è sempre del Comune di Cervia o sono due enti separati? C'è qualcosa che non funziona e soprattutto il canile avrà detto ai Vigili che noi volevamo andarci a riprendere il cane. Come puoi farmi una multa perché non aveva il collare, la museruola?", prosegue Franchi prima di concludere scandendo: "La multa fatela alle persone che tengono i cani alla catena, e in Romagna ce ne sono ancora tante; la multa fatela ai proprietari che tengono i cani sotto il sole, la multa fatela a chi li abbandona e a chi li maltratta; la multa fatela a chi la dovete fare. E' un paradosso”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro