Conero, una magia verde e blu A Portonovo da Franco e Marcello

Nella baia sempre più popolare, fra piatti di pesce in riva al mare, ‘mosconi’ e pedalò .

Conero, una magia verde e blu  A Portonovo da Franco e Marcello
Conero, una magia verde e blu A Portonovo da Franco e Marcello

Chi non conosce Marcello? Il noto ristorante di Portonovo è un appuntamento fisso per gli habitué della riviera del Conero e spesso anche per ospiti di un certo calibro. E’ infatti spesso meta del commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio, lo jesino Roberto Mancini. Portonovo, dopo il ripascimento, sta acquisendo sempre più visibilità, benché questa non fosse mai mancata negli anni a questo fiore all’occhiello di Ancona.

Per non parlare dello stabilimento balneare ‘Da Franco’, a ridosso del molo di attracco per le barche: parole d’ordine aperitivi, pranzi veloci e merende immersi nella spettacolare cornice verde-blu del monte Conero, fra la vegetazione del colle e il riverberare delle acque. ‘Da Franco’, si può godere di un’ottima vista sul mare di Mezzavalle e del Trave, i simboli rivieraschi. Chi è cliente racconta di "piacevoli giornate affittando cabine, ombrelli, lettini e mosconi". Per i più piccoli, ci sono anche i pedalò e una doccia idromassaggio per guardare il tramonto.

Guendalina è habituée della baia: "Vado spesso a mangiare da Marcello, adoro i suoi piatti freschi in riva al mare. Questo – prosegue – è un paradiso terrestre".

E non potrebbe essere altrimenti con gli spaghetti in salsa di moscioli (così si chiamano le cozze ad Ancona, ndr), o gli gnocchi fatti a mano, che si sciolgono in bocca col sottofondo delle onde.

n. m.