La sfida fra le barche e il concerto Una Festa del Mare ancora più ricca

Il grande evento di Ancona raddoppia: sabato sera show dei Tiromancino, domenica il Trofeo delle Batane

La sfida fra le barche e il concerto  Una Festa del Mare ancora più ricca

La sfida fra le barche e il concerto Una Festa del Mare ancora più ricca

di Pierfrancesco Curzi

Mare, identità, buona musica, spiritualità, divertimento e il gran finale con i fuochi pirotecnici più belli. La Festa del Mare di Ancona, all’edizione numero trentanove, raddoppia e presenta un cartellone molto ampio dove a spiccare è il concerto, gratuito, dei Tiromancino, con la presenza sul palco di Enula. L’evento clou, in programma sabato sera alle 21, si svolgerà in una cornice davvero suggestiva, ossia al Passetto, a due passi dalla ‘spiaggia degli anconetani’. La nuova giunta comunale ha puntato molto sulla Festa del Mare, e tra le novità c’è soprattutto la formula spalmata su due giorni: "Sarà il nostro biglietto da visita" hanno dichiarato i vertici della giunta guidata da Daniele Silvetti.

Si tratta del primo, grande evento organizzato dall’amministrazione comunale, in attesa della Notte Bianca a ottobre e delle festività natalizie. Da qui la decisione di fare le cose in grande. Il sabato sarà la giornata ‘laica’ della Festa del Mare. Oltre al concerto a firma Tiromancino sono in calendario anche talk e cooking show, mostre mercato e degustazioni dedicate alle ricchezze ittiche della zona, dai moscioli di Portonovo (le caratteristiche cozze) allo stoccafisso all’anconetana. Ci sarà spazio per artisti di strada, presentazioni di libri e per lo ‘Sbaracco’, il fuori tutto dei negozi di una zona della città curato da Confartigianato.

La domenica resta il giorno clou della festa , di sicuro quello più sentito dalla città sotto il profilo identitario e devozionale. Si parte alle 9 con la messa nella cattedrale di san Ciriaco, con a seguire la deposizione in mare di una corona speciale, con un grande corteo di barche.

In serata è previsto il Trofeo delle Batane - tipiche imbarcazioni della zona - la sfida tra le quattro marinerie del Conero.

In mezzo, oltre ai cooking show, alle degustazioni nelle piazze e al Mercato delle Erbe, alla musica e alle performance degli artisti di strada, anche un dj set nella centralissima piazza del Plebiscito, con La Regina, dalle 18 alle 23.

Come ogni anno, tuttavia, l’attesa più spasmodica è per la chiusura della festa, nella serata di domenica a partire dalle 22.30. Il cielo sopra il porto si colorerà grazie ai fuochi d’artificio che, altra novità, quest’anno saranno sparati dal Molo Rizzo, molto più vicini alla città.

Il Comune ha messo a punto una mappa dei punti panoramici da dove poter apprezzare maggiormente lo spettacolo pirotecnico.