Colpo di calore: sintomi e cosa fare

Come riconoscerlo e quali comportamenti adottare. Comprendere cosa lo innesca significa anche evitare che colpisca noi e i nostri cari

Bologna, agosto 2023 – Con le temperature elevate (che aumenteranno, dicono le previsioni meteo) e molte ore di esposizione al sole, aumenta il rischio di subire colpi di calore. Il calore dell’aria esterna a noi, se eccessivo, va ad interferire con il nostro sistema di regolazione della temperatura corporea. È allora che innanzitutto iniziamo a sudare, ma se l’umidità è molto alta, il sudore non evapora facilmente. Come in casi di febbre alta, si verificano quindi una serie di effetti che possono anche recare danni al cervello e ad altri organi.

Colpo di calore: come riconoscerlo e cosa fare
Colpo di calore: come riconoscerlo e cosa fare

Caldo torrido: gli affetti su pressione e intestino / Come abbronzarsi senza scottarsi

Il colpo di calore

Da non confondere con l’insolazione o colpo di sole, che consiste in eritemi o ustioni accompagnate o meno da altri sintomi, il colpo di calore esordisce con un improvviso malessere generale, cui seguono mal di testa, nausea, vomito e sensazione di vertigine, fino ad arrivare a stati d’ansia e confusione. La temperatura corporea nel giro di un quarto d’ora può aumentare fino anche a 40 gradi, ed è seguita da un possibile malfunzionamento degli organi interni, che può portare anche a conseguenze fatali.

Cosa fare in caso di colpo di calore

In questi casi è fondamentale intervenire in maniera veloce. Al comparire di sintomi come malessere, grande sete, crampi, nausea o svenimento, è necessario chiamare subito i soccorsi o farsi portare a un vicino pronto soccorso. Nel frattempo, giova abbassare la temperatura corporea, portando la persona in un luogo fresco, sollevargli le gambe e raffreddare la sua temperatura con pezze fredde e bagnate apposte su fronte, ascelle ed inguine. In tutto ciò, se l'individuo non ha perso conoscenza, è utile cercare di tranquillizzarlo e farlo restare calmo, facendogli bere piccoli sorsi di acqua fresca o bevande con sali minerali.

Cosa non fare

In ogni caso, non bisogna assolutamente fargli assumere farmaci per abbassare la febbre, come per esempo la tachipirina, se non li prescrive il medico. Evitare anche di strofinare o bagnare il malato con alcol.

Prevenire i colpi di calore

Evitare i colpi di calore è in realtà assai semplice. È sufficiente controllarsi nelle proprie abitudini estive e all’aperto, adottando comportamenti corretti. Innanzitutto, evitare di uscire negli orari più caldi e, al mare prendere il sole in tali orari. Indossare abiti comodi, leggeri e traspiranti. Indossare un cappello se si esce al sole. Idratarsi adeguatamente. Evitare alcolici quando è troppo caldo. Non stare chiusi dentro l’automobile parcheggiata.