Omicidio al quartiere Barco di Ferrara: soffoca la madre e confessa. “Non ce la facevo più”

Tragedia in via Argante. La vittima, Maria Luisa Sassoli aveva 81 anni. Arrestato il figlio Sandro Biondi di 52: è stato lui ad auto denunciarsi alla polizia. Su di lui verrà disposta la perizia psichiatrica

Ferrara, 23 febbraio 2023 –  Ha confessato di aver ucciso la madre Maria Luisa Sassoli, 81 anni, soffocandola con un cuscino. La tragedia è avvenuta al Barco dove questa mattina è stata trovata morta la donna dentro la sua abitazione di via Argante. Sul posto sono arrivati subito i poliziotti della Mobile e della Scientifica, insieme al medico legale chiamati dallo stesso figlio, Sandro Biondi 52 anni. 

Una tragedia familiare legata ai continui diverbi e pesanti litigi tra madre e figlio che vivevano sotto lo stesso tetto. In passato la polizia, secondo quanto raccontato dai vicini, era già intervenuta per sedare i litigi tra i due.

La procura di Ferrara ha disposto l'autopsia sul corpo di Maria Luisa Sassoli, ed presto verrà disposta sul figlio la perizia psichiatrica.

Durante l'interrogatorio di oltre due ore avvenuto in Questura a Ferrara, l'uomo ha ammesso di aver ucciso la madre soffocandola con il cuscino. È stato arrestato con l'accusa di omicidio e trasferito in carcere.

Secondo quanto ricostruito i due abitavano insieme in una casa popolare di Ferrara e la donna era gravemente ammalata. I vicini di casa hanno riferito di averli sentiti litigare spesso.

Come detto è stato lo stesso Biondi che dopo aver soffocato la donna, ha chiamato la polizia. Alcuni testimoni hanno raccontato di averlo visto aspettare gli agenti sulla porta di casa, dicendo “non ce la facevo più”.

Concorde con la richiesta di perizia psichiatrica l'avvocata d'ufficio Monica Pedriali che ha confermato che i contorni dell'omicidio si collocano in "una situazione familiare molto difficile”.