Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 lug 2019

Cripta Mussolini Predappio, corteo scarno e pochi saluti romani

Ha riaperto in occasione dell'anniversario della nascita del Duce. Circa 300 persone a Predappio. L’ardito Santarelli: "Siamo osservati, non esponiamoci"

27 lug 2019
COMPLEANNO BENITO MUSSOLINI ricorrenza della nascita
Predappio, in fila per entrare nella cripta Mussolini (Foto Frasca)
COMPLEANNO BENITO MUSSOLINI ricorrenza della nascita
Predappio, in fila per entrare nella cripta Mussolini (Foto Frasca)

Predappio (Forlì-Cesena), 28 luglio 2019 - La manifestazione che si è svolta a Predappio per ricordare il 136° anniversario della nascita di Benito Mussolini si è caratterizzata per la scarsità dei partecipanti e la conclusione con pochissimi saluti romani. I partecipanti al corteo, che si è svolto regolarmente alle 10.30 da piazza Sant’Antonio al cimitero di San Cassiano, sono stati 150 nella sfilata e 300 al cimitero. Più sentito è l’anniversario della Marcia su Roma in ottobre (3mila partecipanti), seguita dall’anniversario della morte a fine aprile (2mila).

La manifestazione si è conclusa con il presente al Duce, con una premessa da parte dell’ardito Santarelli: "Purtroppo siamo sotto osservazione. Quindi al termine di ogni presente invitiamo a non fare il saluto romano, ma portare la mano destra al cuore". Su trecento persone solo una decina ha steso il braccio per il saluto romano. Poi la gente si è messa in fila ordinata per visitare la cripta a gruppi di dieci, disciplinati dal servizio d’ordine e accolti dalle sorelle Edda e Silvia Negri Mussolini, nipoti del Duce.

La cripta ha riaperto solo oggi. «Solo per un giorno», aveva sottolineato durante la settimana Edda Negri, una delle nipoti del duce. Ma il tema della riapertura definitiva del sepolcro è in agenda da mesi: il restauro che l’ha tenuto chiuso per quasi un anno è terminato a fine ottobre. Da allora, però, il luogo che attira nostalgici da tutta Italia è stato aperto per poche ore solo nelle date delle commemorazioni, come l’ultima domenica di luglio in ricordo della nascita (Mussolini è nato il 29 luglio di 136 anni fa). E nelle ultime settimane si sono susseguiti diversi indizi che fanno pensare che la soluzione possa essere vicina.

Il commento Il turismo del Duce - di Beppe Boni
 
Dal 26 maggio, Predappio è amministrata per la prima volta dal centrodestra. Il nuovo sindaco è un imprenditore del paese, Roberto Canali. Il quale fin dalla campagna elettorale ha promesso che si sarebbe impegnato per favorire la riapertura della cripta (il luogo, però, è sotto la responsabilità della famiglia Mussolini). In paese, i ristoratori e gli esercenti si sono ripetutamente lamentati perché senza l’afflusso dei nostalgici gli affari sono calati.

«La tomba è un volano per il turismo», ha detto più volte il sindaco Canali, suscitando così l’interesse degli eredi di Benito (la nipote Alessandra aveva aspramente litigato con il predecessore Giorgio Frassineti, del Pd). Secondo più persone vicine alla famiglia, ieri pomeriggio ci sarebbe stato un primo incontro tra sindaco e discendenti. Canali ha negato, ma la sua posizione non cambia: «Li incontro volentieri. Non c’è stato nessun contatto diretto. Mi hanno fatto sapere che il pronipote Caio vorrebbe conoscermi» (Caio Giulio Cesare Mussolini, 51 anni, era candidato alle elezioni europee con Fratelli d’Italia; il duce era il suo bisnonno). Ieri i famigliari hanno mantenuto il massimo riserbo. Tutti, in questi giorni, hanno auspicato che la cripta riapra presto in maniera stabile.
 
L’intesa sembra vicina, ma i dettagli sono ancora oscuri. Innanzitutto, la famiglia stessa cerca di trovare una soluzione che accontenti diverse sensibilità. Poi ci sono gli aspetti economici: la spesa per un custode è stata stimata in 30mila euro l’anno. Come più volte negli ultimi anni, non mancano le polemiche sull’ipotesi della riapertura: il Pd predappiese, in particolare, contesta che «l’apologia del dittatore si trasformi nel volano dell’economia locale». Da parte dello stesso sindaco Canali e dagli eredi di Mussolini è arrivato l’invito a tenere comportamenti rispettosi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?