Il medico Turroni ha salvato Gavelli: “Ho capito subito che era grave”

La moglie del presidente del volley ringrazia il dottore e la Croce Rossa intervenuti tempestivamente

Il medico sociale del Volley maschile Fabio Turrini intervenuto per soccorrere il presidente del Volley Forlì Giovanni Gavelli

Il medico sociale del Volley maschile Fabio Turrini intervenuto per soccorrere il presidente del Volley Forlì Giovanni Gavelli

Forlì, 27 novembre 2023 – Congelato sul tabellone c’è quel punteggio: 7-7. Tutto si ferma, anche il tifo del pubblico, quando alla partita di pallavolo del Forlì contro il Sar Rubicone Cesena sabato pomeriggio, Giovanni Gavelli, storico presidente del Volley Forlì, ha improvvisamente accusato un infarto e si è accasciato a terra privo di conoscenza.

"C’è stato un momento di spavento generale e le persone sedute vicino a Gavelli hanno subito gridato ’serve un medico, un medico. Croce Rossa venite qui". Fabio Turrini, medico sociale del volley maschile era seduto poco distante e si è precipitato.

Fabio Turrini ha capito subito che cosa stava succedendo in quegli attimi di agitazione?

"Le persone sedute vicino a Gavelli lo stavano stendendo a terra e, per prima cosa ho pensato a uno svenimento o a un calo di pressione. Io mi sono avvicinato immediatamente con il personale della Croce Rossa".

Cosa avete fatto?

"Abbiamo capito che si trattava di qualcosa di molto più grave, perché il presidente era in uno stato di incoscienza e non rispondeva a nessuno stimolo verbale o rumoroso. Gli abbiamo sentito il polso e il battito cardiaco e abbiamo capito che bisognava intervenire immediatamente. Io e gli altri volontari abbiamo praticato un lungo massaggio cardiaco e abbiamo utilizzato il defibrillatore, che porto con me a tutte le partite".

Sono stati momenti di grande tensione...

"C’è stato un momento di spavento generale, non mi era mai capitata un’urgenza simile. Sono medico di famiglia e non ho mai dovuto rianimare una persona, anche se ho fatto tutti i corsi e conosco tutte le manovre. Sapevo che nel dubbio è sempre meglio cominciare la rianimazione cardio-polmonare. Non potrò mai dimenticare quei momenti e sono certo che nessuna delle persone presenti alla partita scorderà quello che è successo".

Ora come sta il presidente Gavelli?

"É ricoverato in rianimazione all’ospedale Morgagni ed è tenuto precauzionalmente sedato, ma le sue condizioni sono stabili".

Ha parlato con i familiari di Gavelli dopo l’accaduto?

"Mi ha chiamato la moglie ed era profondamente commossa. Siamo tutti vicini al nostro presidente e ci stringiamo attorno alla famiglia, nell’attesa di tornare presto a guardare la partita tutti assieme. La moglie di Gavelli mi ha detto: ’Grazie al vostro intervento tempestivo mio marito si è ripreso’. Mi ha confidato che suo marito era agitato per la partita perchè sentiva molto la gara, dato che la stagione è cominciata piuttosto male".

Ma ieri durante il gioco com’era il tifo sugli spalti?

"C’è stata molta correttezza da parte del pubblico. I giocatori erano un po’ tesi e ovviamente c’erano, come spesso capita, proteste contro l’arbitro. Si giocava l’ottava giornata di campionato di B. Era il derby contro il Sar Rubicone Cesena. Era il quarto set quando la partita è stata interrotta per non essere più ripresa".